(Sesto Potere) – Ferrara – 8 novembre 2022 – Nella giornata di ieri, gli Agenti della Squadra Volanti della Questura di Ferrara hanno tratto in arresto, per il reato di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale un cittadino straniero, richiedente asilo, residente in città.  L’intervento è stato compiuto dagli Agenti a seguito di richiesta pervenuta tramite la locale Centrale Operativa, poiché in un bar ubicato nell’area GAD, era in atto un diverbio tra lo straniero e il gerente dell’esercizio.

Alla vista degli Agenti della Questura di Ferrara, lo straniero alla rituale richiesta di fornire i propri documenti, non solo mostrava insofferenza, rifiutandosi di indicare le proprie generalità, ma si scagliava violentemente contro di essi.

polizia questura ferrara

Bloccato, nonostante i ripetuti tentativi di liberarsi opponendosi con calci e mulinando le braccia, colpiva al viso e alle gambe due agenti che lo immobilizzavano per poi condurlo presso gli uffici della Questura dove, al termine delle formalità di rito, lo straniero regolare sul territorio italiano ma con vari pregiudizi di Polizia veniva dichiarato in stato di arresto per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e sottoposto agli arresti domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In un’altra operazione, gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Ferrara, in seguito ad un evento avvenuto la notte di Halloween nel Bar di Galleria Matteotti dove un giovane aveva puntato una pistola finta in faccia alla barista, hanno individuato l’autore del fatto – un minore – ritenendolo responsabile dell’aggressione che si era conclusa con una denuncia qualche giorno dopo dello stesso baby rapinatore.

Sono in corso ulteriori accertamenti da parte degli operatori della Polizia di Stato volti a delineare esattamente la dinamica dell’episodio, di intesa con l’Autorità Giudiziaria competente.

Al termine delle indagini sarà avviato il procedimento finalizzato all’emissione di un divieto di accesso ai luoghi pubblici da parte del Questore nei confronti sia dello straniero arrestato in GAD, sia nei confronti del minore, assiduo frequentatore della Galleria Matteotti.