Ferrara, nuova operazione di controllo del territorio

0
203

(Sesto Potere) – Ferrara – 25 febbraio 2021 – Continuano i servizi straordinari e quotidiani di controllo del territorio disposti dal Questore di Ferrara con l’obiettivo di continuare ad assicurare e mantenere, attraverso una costante attività di prevenzione e presenza sul territorio, tutte le condizioni di un’autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini. L’attività viene svolta nelle zone più sensibili della città, dal Reparto Prevenzione Crimine di Bologna (unità operative specializzate nel controllo del territorio che rappresentano una task force di pronto intervento della Polizia di Stato, una risorsa strategica per servizi di alto impatto) e da aliquote territoriali.

Il personale della Polizia di Stato, unitamente all’unità cinofila della Polizia Municipale, svolge quotidianamente controlli all’interno delle torri del grattacielo, compresi gli scantinati, nonché lungo tutta l’area verde circostante e nell’attiguo Piazzale della Stazione, ove negli ultimi mesi non si sono registrati rinvenimenti di stupefacenti.

Nella mattinata di ieri, durante un controllo effettuato all’interno di uno stabile abbandonato ubicato in questa via Modena, gli Agenti riscontravano la presenza abusiva due cittadini che ivi dimoravano.

Accompagnati in Questura e sottoposti a rilievi foto dattiloscopici, i due cittadini, una donna di nazionalità rumena di anni 54 e un cittadino di nazionalità marocchina di anni 33, con numerosi pregiudizi di polizia, per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, reati predatori e in materia di immigrazione, risultavano: la donna gravata da un F.V.O. con divieto di tornare nel capoluogo per tre anni, e l’uomo inottemperante al provvedimento di espulsione e ordine di allontanamento dal T.N.; venivano pertanto deferiti all’A.G. .

Entrambi , a seguito della querela sporta dalla proprietaria dell’immobile, venivano denunciati altresì per il reato di invasione di terreni ed edifici.

Una donna segnalava agli Agenti di aver notato e riconosciuto una bicicletta condotta da uno straniero come quella rubata qualche giorno fa a suo figlio. Sul posto gli Agenti identificavano l’attuale utilizzatore il quale dichiarava di averla acquistata per la somma di 30 euro. Al termine degli accertamenti il cittadino marocchino di anni 43, regolare sul T.N., veniva denunciato all’A.G. per aver acquistato il bene senza prima accertarsi della legittima provenienza.

Controllati due cittadini nigeriani 30enni, nelle vicinanze del parcheggio “ ex Mof ” che alla richiesta degli Agenti del motivo della loro presenza nel capoluogo dichiaravano di essere venuti in città a far la spesa settimanale. Al termine degli accertamenti a carico degli stessi risultavano vari pregiudizi di polizia, condanne penali e una misura di prevenzione del F.V.O. emessa dal Questore di Ferrara, con divieto di far ritorno nel capoluogo per tre anni; pertanto venivano indagati per inottemperanza al foglio di via obbligatorio.

Fermato e controllato un cittadino di nazionalità tunisina di anni 23 privo di documenti. Accompagnato in Questura risultava gravato di una pluralità di violazioni in materia di immigrazione, per non aver ottemperato a vari ordini di allontanamento dal T.N. Al termine degli accertamenti veniva deferito all’A.G. per violazione dell’ordine di allontanamento ed espulso dal territorio nazionale.

E’ stato fermato un cittadino nigeriano di 31 anni che risultava aver fatto richiesta di Protezione Internazionale rigettata dalla Commissione competente, così come pure il successivo ricorso. Quindi veniva emesso e notificato il provvedimento di espulsione e ordine del Questore di allontanarsi dal territorio nazionale.

Risultati: 6 persone denunciate a p.l. , 179 persone identificate di cui 18 con precedenti di polizia, 54 veicoli controllati, 7 posti di controllo, 6 esercizi commerciali controllati, 2 espulsioni dal T.N.. e una violazione delle norme sul Covid.