Ferrara, in azione poliziotto di prossimità: adottato misure di prevenzione

0
186

(Sesto Potere) – Ferrara – 16 dicembre 2020 – Grazie all’attività di prevenzione svolta dal Poliziotto di Prossimità è stato possibile verificare le posizioni di soggetti che con le loro condotte incivili contribuivano ad elevare la percezione di insicurezza dei cittadini ed esercenti di questo centro.

Al termine della fase istruttoria a carico di due soggetti già attenzionati dagli operatori di Polizia, il Questore di Ferrara, Capocasa, nella giornata odierna ha adottato due misure di prevenzione, un Avviso Orale e un Foglio di Via Obbligatorio nei confronti di due persone dediti alla commissione di reati e considerate socialmente pericolose per la sicurezza pubblica.

poliziotto di prossimità

L’avviso orale è stato emesso nei confronti di un giovane 22enne, residente nella provincia di Ferrara, con precedenti di polizia e condanne per detenzione di sostanze stupefacenti, il quale è stato trovato in possesso di un discreto quantitativo di sostanze stupefacenti. Il giovane è stato invitato a tenere un comportamento conforme alla legge e colpito dal divieto di frequentare determinati luoghi e persone, con l’avvertimento che, in caso di inottemperanza, saranno proposti per l’applicazione di una misura più grave quale la sorveglianza speciale che prevede una serie di prescrizioni più afflittive che incidono sulla libertà di circolazione, con revoca del passaporto e patente di guida ed altro ancora, qualora il soggetto non accolga l’invito da parte del Questore a cambiare la propria condotta o stile di vita

Il Foglio di Via Obbligatorio dal Comune di Ferrara è stato emesso nei confronti di un cittadino di nazionalità nigeriana di anni 30, residente nella provincia di Ravenna, che fermato in via IV Novembre è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente del tipo marjiuana, occultata nel cavo orale. L’uomo dovrà abbandonare la città per un periodo di tre anni, con l’avvertimento che, in caso di contravvenzione, sarà denunciato all’Autorità Giudiziaria.