Ferrara, emergenza cimice asiatica: vertice in prefettura con ministro Bellanova

0
114

(Sesto Potere) – Ferrara – 22 ottobre 2019 – La Ministra delle politiche agricole, alimentari e forestali Senatrice Teresa Bellanova, affiancata dal Prefetto di Ferrara Michele Campanaro e dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Simona Caselli, ha presieduto il 21 ottobre a Palazzo Giulio d’Este un tavolo di confronto istituzionale sulle strategie di prevenzione e contrasto alla diffusione della “cimice asiatica” (Halyomorpha halis) , specie di insetto alloctona che sta infestando le coltivazioni frutticole in buona parte del Nord Italia e, in particolare, la coltivazione della pera, che nel ferrarese rappresenta una produzione di eccellenza su scala europea.
Presenti all’incontro la Senatrice Paola Boldrini, l’Onorevole Luigi Marattin, i Consiglieri regionali Paolo Calvano, Marcella Zappaterra e Marco Pettazzoni, il Presidente della Camera di Commercio di Ferrara Paolo Govoni, il Presidente della Provincia di Ferrara Barbara Paron, il Sindaco di Ferrara Alan Fabbri, insieme con gli altri Sindaci della provincia, il Presidente del Centro Servizi Ortofrutticoli Italy Paolo Bruni e i rappresentanti delle Associazioni datoriali di categoria e delle Organizzazioni sindacali dei lavoratori agricoli.

“L’incontro di oggi – ha sottolineato il Prefetto Campanaro, nel suo intervento introduttivo – è la prima risposta, puntuale e tempestiva, che la Ministra Bellanova ha voluto dare alle istanze dei rappresentanti del mondo agricolo ferrarese, dopo le manifestazioni dello scorso mese di settembre che hanno visto tutti gli operatori del settore agricolo manifestare, insieme con gli amministratori locali, per chiedere l’intervento delle Istituzioni in difesa della frutticoltura del territorio provinciale, regionale e nazionale”.

Nel corso dell’ incontro in prefettura , i rappresentanti del mondo agricolo hanno ribadito la forte preoccupazione della categoria per gli effetti di una crisi definita come la più significativa degli ultimi decenni e che, insieme con l’aggressione da “cimice asiatica”, sta scontando i danni causati dalle avversità atmosferiche e da altre patologie su

prefettura ferrara

produzione agricole d’eccellenza. Danni che, tra fase produttiva e post raccolta, ammontano, secondo stime reali sviluppate da C.S.O. Italy, a quasi 356 milioni di euro, di cui 267 milioni di euro per le sole pere.

“Comunico ufficialmente  a questo tavolo – ha tenuto a rassicurare la Ministra Bellanova – che la legge di bilancio 2020 non conterrà il previsto aumento dell’IRPEF in agricoltura e nel periodo 2020-2022 metterà a disposizione una prima dotazione finanziaria di 80 milioni di euro in favore delle imprese che hanno subito danni da cimice asiatica. Nonostante una manovra di bilancio nel suo complesso difficile con le poche risorse finanziarie disponibili destinate prevalentemente a lasciare invariate le aliquote IVA, ho posto con forza la necessità che il Governo scongiurasse l’aumento della pressione fiscale per le imprese agricole e si facesse carico del problema dei danni provocati dalla cimice asiatica.”.

Proseguendo, la Ministra Bellanova ha ricordato che ” le imprese che sono state colpite dalla cimice sono in grave sofferenza e la loro situazione è aggravata dall’indebitamento nei confronti delle banche. Convocheremo un tavolo di confronto con l’Associazione Bancaria Italiana per verificare la possibilità di fare una moratoria sui mutui in essere”.
” Il fondo da 80 milioni di euro a sostegno delle imprese colpite dall’emergenza cimice asiatica è un primo segnale incoraggiante che auspico possa essere ulteriormente rafforzato durante l’iter parlamentare”: ha affermato l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Simona Caselli.

Entro fine anno preannunciato un altro incontro d’aggiornamento sugli interventi in essere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here