Ferrara, donazione polizia al pediatria del ‘S. Anna’ di Cona

0
232

(Sesto Potere) – Ferrara – 18 dicembre 2020 – In questo periodo di Festività la Polizia di Stato ha voluto testimoniare ancora una volta, in modo tangibile, la propria solidarietà verso le categorie più esposte ai rischi ed alla criminalità.

Gli anziani: vittime dell’odioso fenomeno delle truffe, nei confronti dei quali la Polizia ha posto in atto una continua e capillare attività d’informazione e, quindi, di prevenzione attraverso la distribuzione di 10.000 brochure esplicative, donando ai Centri della provincia 600 mazzi di carte romagnole con il logo della Polizia di Stato.

Le donne: violentate, maltrattate, vessate uccise, firmando il protocollo Zeus, uno strumento eccezionale che consente di affrontare le problematiche della violenza di genere occupandosi anche dell’autore del reato, in una ottica di assoluta prevenzione.

ingresso Ospedale “S. Anna” di Cona

I giovanissimi: vittime del bullismo e del cyberbullismo , un problema sociale che richiede una risposta di sistema, portando il babbo Natale della Polizia di Stato nel Reparto Pediatrico dell’Azienda Ospedaliera “S. Anna” di Cona, nel ferrarese.

Il Questore di Ferrara, Cesare Capocasa, e il Vicario, Federica  Ferrari, insieme al personale della Polizia di Stato, questa mattina si sono recati a far visita ai piccoli pazienti ricoverati presso il Reparto Pediatrico dell’Azienda Ospedaliera “S. Anna” di Cona, alla presenza del Direttore Generale per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, Paola Bardasi e del Primario (vedi foto in alto).

Un agente, vestito da Babbo Natale, ha donato ai venticinque piccoli degenti presenti nel reparto, i regali della Polizia di Stato: zainetti, colori, diari, cappellini, puzzle e tanto altro.

“La nostra presenza in questo reparto, anche in un momento così emergenziale ”  ha dichiarato il Questore Capocasa “ vuole esprimere essenzialmente lo spirito della nostra missione al servizio dei cittadini e, in particolare, delle fasce più deboli, le donne, gli anziani e i bambini ai quali oggi desideriamo regalare un sorriso con l’auspicio che ritornino presto a casa a festeggiare il Santo Natale”.

“Ringrazio sentitamente il Questore – ha messo in evidenza la dottoressa Bardasi – per questo encomiabile gesto di vicinanza ai nostri piccoli pazienti. La Polizia, come è avvenuto e sta avvenendo in questo periodo di pandemia, è stata sempre vicina ed attenta alle esigenze del mondo sanitario e dell’ospedale di Cona”.