Ferrara, diminuzione tendenziale dei reati in provincia e comune

0
199

(Sesto Potere) – Ferrara – 29 dicembre 2020 – Quasi tutte le tipologie di delitti hanno registrato una tendenziale diminuzione a livello nazionale come nella provincia di Ferrara, ma sul dato incide l’emergenza Covid. E’ questo il bilancio dell’attività della Polizia di Stato di Ferrara, in merito alla gestione dell’ordine pubblico, passando per i controlli delle misure volte al contenimento dell’emergenza epidemiologica. Calano i reati a livello provinciale del 21,7% e a livello comunale del 26,26%.

Quasi tutte le tipologie di delitti commessi sia nel Comune che nella Provincia di Ferrara nell’anno 2020, hanno registrato una diminuzione.

questura di Ferrara

In particolare: Furti: comune Ferrara – 39 %, provincia Ferrara -34 %, di cui con destrezza comune Ferrara – 45 % , provincia Ferrara – 43 %, in abitazione comune Ferrara – 47 % , provincia Ferrara -29 %. Rapine in genere: comune Ferrara – 34 % ; provincia Ferrara – 10 %. Reati inerenti agli stupefacenti: comune Ferrara – 37 % ; provincia Ferrara – 28 %.

Sul fronte dell’attività di controllo del territorio sono aumentati invece: Arresti: +58 %. Denunce: +5,32 %. E persone identificate +7,26 %.

E aumentano anche: le Misure di Prevenzione emesse dal Questore, nr. 65 Avvisi, nr. 61 Fogli di Via Obbligatori e nr. 02 D.A.S.P.O. Urbani e gli i Ammonimenti emessi dal Questore per Violenza di Genere e Stalking +5%.

Con riferimento all’emergenza Covid 19, la Questura di Ferrara spiega che: “i controlli sono stati eseguiti con empatia, equilibrio e buon senso, richiamando sempre al senso di responsabilità, ma con rigore nei confronti delle persone impudenti.”

  • Nel dettaglio: 10.974 sono state le persone controllate, 283 quelle sanzionate ex art. 4 d.l. 19/20 e 6 esercizi commerciali sospesi preventivamente.
questore di Ferrara

Mentre la Squadra Amministrativa ha effettuato: 180 i controlli agli esercizi pubblici e commerciali. 30 emissione di provvedimenti di chiusura ex art.100 T.U.L.P.S. e 40 sanzioni amministrative per un importo totale di euro 25.054,00.

Il contesto pandemico ha solo parzialmente rallentato l’attività dell’Ufficio Immigrazione, che ha comunque rimpatriato 12 stranieri ritenuti socialmente pericolosi e destabilizzanti per l’ordine e la sicurezza pubblica e ne ha accompagnati 22 nei diversi CPR nazionali.

Sono stati sequestrati circa 19 Kg di sostanze stupefacenti.
E la Squadra Mobile ha portato a termine nell’anno in corso due complesse indagini di polizia giudiziaria.

  • L’operazione “Signal” ha duramente colpito una organizzazione di stampo mafioso composta da criminali nigeriani dediti allo spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti ed alle estorsioni, denominata “Vikings/Arobaga” operante in tutto il territorio nazionale. L’indagine si è conclusa con l’esecuzione di 31 Ordinanze di Custodia Cautelare in Carcere.
  • L’operazione “Wall Street Border” ha smantellato una organizzazione dedita alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ( cd. “spaccio di piazza”), nonché di approvvigionamento e trasporto di droga in questa provincia da parte di un gruppo di cittadini nigeriani, con l’esecuzione di 2 Fermi di Indiziato di Delitto, nonché di 16 Denunce in stato di libertà per i delitti p.p. dagli artt 110 c.p. e 73 DPR 309/90.

Nella zona denominata G.A.D., dove sono in atto da 10 mesi presidi fissi (Grattacielo, Stazione Ferroviaria, Piazzetta Toti e Castellina), calano di circa il 12 % i delitti, in particolare : Reati contro il patrimonio: -22,35% e Reati relativi agli stupefacenti: -53,68% .

I reati contro la persona, invece, sono in lieve controtendenza, pari ad un incremento di circa il 4%.