Ferrara, controlli polizia in zona Gad: arrestati due nigeriani

0
221

(Sesto Potere) – Ferrara – 28 aprile 2021 – Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Mobile di Ferrara e del locale “U.P.G.S.P.”, congiuntamente alla Polizia Locale “Terra Estensi”, traevano in arresto nella flagranza dei reati di resistenza a P.U. e di lesioni personali dolose ai danni di un dipendente della Polizia Locale di Ferrara, i nigeriani I. S. di anni 30, pregiudicato, in Italia senza fissa dimora e L. F. di anni 37, pregiudicato, in Italia senza fissa dimora.

In particolare una pattuglia della Polizia Locale di Ferrara impegnata nei servizi di competenza nella zona “G.A.D.” di questo centro, procedeva al controllo per identificazione dei due predetti nigeriani dall’atteggiamento molesto come segnalato da una cittadina. Nel frangente entrambi si opponevano attivamente all’identificazione, rifiutandosi di esibire i propri documenti personali agli agenti operanti. Uno dei due nigeriani, afferrava per le braccia l’Agente spingendolo con violenza fino a fargli battere le ginocchia sull’asfalto, per poi riuscire ad allontanarsi momentaneamente assieme all’altro soggetto.

Raggiunti dall’Agente il quale tentava nuovamente di bloccarli questi reagivano con forza facendolo rovinare a terra. Nella circostanza I.S. afferrava per la schiena l’Agente e dopo una violenta colluttazione, entrambi i nigeriani riuscivano a darsi a precipitosa fuga a piedi verso il grattacielo. Ciononostante venivano inseguiti costantemente dal personale della Polizia Locale fornendo preziose indicazioni contestualmente veicolate alle pattuglie già presenti sul Territorio, come da predisposto dispositivo di sicurezza che consentiva al personale del locale “U.P.G.S.P.” e della Squadra Mobile di bloccarli nelle immediate vicinanze traendoli in arresto nella flagranza di reato per i reati di concorso in resistenza a P.U. e di lesioni personali dolose ai danni dell’Agente che riportava una prognosi di quattro giorni salvo complicazioni a seguito di un trauma contusivo all’arto superiore sinistro.

Entrambi i prevenuti venivano trattenuti nelle camera di sicurezza della locale Questura, come disposto dal PM di turno, in attesa del processo con rito per direttissima fissato per l’odierna mattinata in cui venivano convalidati gli arresti con rinvio al 23 giugno prossimo per il dibattimento .