Ferrara, arrestato immigrato marocchino: furto, minacce e rissa

0
112

(Sesto Potere) – Ferrara – 28 maggio 2021 – Personale delle Volanti della Questura di Ferrara, nella serata di ieri, si recava presso l’Iper Tosano, in quanto alla Sala Operativa era giunta una segnalazione  da parte del personale addetto alla vigilanza di una persona molto agitata, che aveva tentato la fuga asportando della merce. Gli Agenti, all’esterno dell’esercizio commerciale, notavano una persona che sbraitava contro le guardie giurate e un terzo  presente sul posto.

Contattati i richiedenti si veniva a conoscenza del fatto che, poco prima, gli addetti alla sicurezza avevano avuto una colluttazione con la persona trattenuta in quanto aveva tentato la fuga più volte dopo aver asportato una serie di bottiglie di superalcolici per un valore complessivo di 126,00 Euro.

In particolare, l’attenzione delle guardie giurate era stata richiamata da una cassiera che, tramite annuncio all’altoparlante, riferiva di aver bisogno dell’intervento degli addetti alla sicurezza in quanto  un uomo aveva occultato merce nella propria borsa. Una guardia giurata fermava la persona, che inizialmente sembrava essere collaborativa, per portarla in ufficio ma successivamente questa tentava la fuga ingaggiando  una colluttazione al termine della quale,  vedendosi la strada sbarrata nei pressi dell’entrata del supermercato, rientrava presso il locale ritentando nuovamente la fuga nell’uscita sita alle casse.

Nella circostanza un cliente dell’ipermercato che assisteva ai fatti, senza indugiare, correva in soccorso della guardia giurata ingaggiando a sua volta una colluttazione con il malfattore.

Il reo veniva quindi fermato dal cliente e successivamente da due Guardie giurate all’altezza del piazzale adiacente all’esercizio commerciale. Il colpevole, identificato in un cittadino Marocchino del 1992, veniva quindi tratto in arresto ed associato, come disposto dall’A.G., presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della direttissima a seguito della quale veniva disposta la custodia in carcere.