(Sesto Potere) – Ferrara – 30 giugno 2021 – Con le riaperture post lockdown , torna quest’anno il progetto “Un mare di legalità 2021“, presentato in anteprima dal Prefetto di Ferrara Michele Campanaro, al Lido Spina di Comacchio (FE), con nuovi contenuti e più ambiziosi obiettivi, coinvolgendo Istituzioni, associazioni di categoria, volontari e turisti contro l’abusivismo commerciale e non solo. icurezza in mare, sicurezza degli acquisti, sicurezza dell’ambiente.

Queste le linee direttrici del progetto promosso dalla Prefettura, realizzato con l’adesione della Camera di Commercio di Ferrara, dell’Amministrazione Provinciale, del Comune di Comacchio, delle associazioni di categoria Confindustria, Ascom, Confesercenti, Cna, Confartigianato, dei 4 Consorzi che rappresentano i circa 135 stabilimenti balneari sui sette lidi comacchiesi. Erano presenti all’avvio del progetto “Un mare di legalità 2021” il Commissario straordinario della Camera di Commercio Paolo Govoni, il Sindaco del Comune di Comacchio Pierluigi Negri, il Questore Cesare Capocasa, il Comandante provinciale dei Carabinieri Gabriele Stifanelli, il Comandante del Gruppo della Guardia di Finanza Luigi D’Abrosca, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco Antonio Marchese, il Comandante della Polizia Provinciale Claudio Castagnoli e i volontari.

” Anche quest’anno si conferma la valenza strategica della collaborazione tra soggetti del mondo istituzionale e quelli del partenariato sociale – ha evidenziato il Prefetto presentando il progetto – La contraffazione e l’abusivismo commerciale alterano le regole di un’economia di mercato concorrenziale e costituiscono, in molti casi, un pericolo per la salute e per la stessa incolumità fisica del consumatore. Oggi, sfruttando questo modello di sicurezza partecipata che nasce dalle sinergie interistituzionali e con il terzo settore, possiamo sostenere i nostri operatori economici per il rilancio delle loro attività, dopo i danni causati dall’emergenza sanitaria”.

Sino alla fine del mese di agosto, trenta volontari delle associazioni Agriambiente, Guardie Ecologiche Volontarie – G.E.V., L.I.D.A. e Legambiente si muoveranno dai gazebi allestiti dalla Polizia Municipale di Comacchio sulle spiagge dei Lidi per un’attività di sensibilizzazione e comunicazione verso i turisti in funzione anti abusivismo commerciale, consegnando e illustrando dépliant informativi in formato multilingue.

Al centro dell’attività dei volontari, divulgatori di buone prassi, anche la difesa dell’ambiente, grazie alla campagna informativa “Acqua 100% Plastic free” sulla cura del patrimonio naturalistico locale: in collaborazione con il Consorzio Acque Delta Ferrarese e con Clara, multiutility per la gestione dei rifiuti, saranno illustrati ai villeggianti i vantaggi derivanti dell’utilizzo di acqua della rete idrica pubblica, attraverso l’impiego di borracce metalliche riutilizzabili e scoraggiando l’uso di bottigliette in plastica. Una lezione sul rispetto e sulla cura dell’ambiente che, quest’anno, viene rinforzata dal supporto della catena di supermercati Alì, attraverso la distribuzione di piccoli coni di carta da collocare sotto l’ombrellone, per riporvi piccoli rifiuti e mantenere inalterata la bellezza delle spiagge comacchiesi. Per tutto il periodo di durata del progetto, “Radio Sound”, radio locale molto seguita, metterà in onda specifici spot informativi a supporto e divulgazione dell’attività.

” Il rispetto della legalità è un pilastro irrinunciabile di ogni civile convivenza, ed è al tempo stesso una condizione fondamentale per un sano sviluppo economico – ha dichiarato al simbolico taglio del nastro il Prefetto – Anche alle attività dei nostri volontari affidiamo, da oggi, il compito di rendere quello sviluppo, oltre che economico, anche sociale e umano “.