Fase2, Di Maio (IV): “Permettere spostamenti fuori regione”

0
218
marco di maio

(Sesto Potere) – Forlì – 28 maggio 2020 – “Ci sono centinaia di migliaia di famiglie che da mesi sono separate, relazioni affettive che si sono spezzate, persone che pur appartenendo alla stessa famiglia non si possono incontrare, se non tentando di aggirare la legge, magari nonostante vivano a pochissimi chilometri di distanza. E’ il momento di consentire a queste persone di ritrovarsi e permettere gli spostamenti da una regione all’altra, anche per dare una mano al commercio e al turismo”. Lo ha detto il deputato forlivese di Italia Viva  Marco Di Maio in Commissione Affari costituzionali alla Camera presentato una interrogazione urgente al Ministero dell’Interno. 

marco di maio

“Con questa interrogazione ho voluto principalmente portare nuovamente all’attenzione del Governo un argomento che mi sta a cuore – ha detto -, ovvero la possibilità per migliaia di famiglie di riunirsi. Permettendo gli spostamenti fuori regione almeno per i familiari, almeno per i parenti, almeno per quelle persone che pur avendo relazioni stabili non possono vedersi; almeno per i legami familiari e affettivi che vivono in Regioni diverse ma sono impossibilitati a spostarsi salvo provarci rischiando la violazione delle norme e le relative conseguenze. Per non parlare degli italiani che vivono all’estero, tuttora impossibilitati ad essere raggiunti o a rientrare”. 

“Pensiamo che dal 3 giugno si debba dare questa possibilità, permettendo ai congiunti fuori regione di ritrovarsi – ha detto – e che al più presto vadano ristabiliti gli spostamenti tra le regioni, in considerazione dell’andamento della curva epidemiologica, anche per sostenere concretamente svariati settori dell’economia (a partire dal turismo, ma non certo l’unico) che stanno patendo fortemente queste limitazioni della mobilità”. 

“Siamo certi che pur dovendo assicurare il più totale rispetto delle norme di sicurezza e protezione sanitaria – ha concluso Marco Di Maio -, si possano permettere questi spostamenti sempre compromettere nulla e, anzi, dando sollievo a milioni di italiani: a quelli che non si incontrano da oltre tre mesi e a quelli che gestiscono attività economiche fortemente penalizzate dai limiti imposti alla mobilità interregionale”.  

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here