(Sesto Potere) – Faenza – 11 novembre 2022 – Alessandro Vitali, (nella foto in alto), membro de “Il Popolo della Famiglia” e attivo nella città di Faenza, interviene in merito alla decisione dell’amministrazione faentina – comunicata dal sindaco Isola (nella foto a lato) – di spegnere l’illuminazione pubblica dall’una di notte alle cinque di mattina per concorrere al risparmio energetico.

”Apprendiamo con preoccupazione la notizia dello spegnimento dell’illuminazione pubblica dall’una alle cinque di mattina – scrive in una nota Alessandro Vitali – . Se da una parte la giunta comunale si trova a far fronte ad evidenti problematiche circa la gestione dei costi energetici, dall’altro si pone un problema legato alla sicurezza e al degrado, fattori che caratterizzano in negativo la nostra città”.

“Un provvedimento quasi scontato, chissà se inevitabile ci domandiamo, che pone giustamente l’accento sulla mancanza di lungimiranza della giunta faentina. Anzitutto per la gestione della criminalità e del degrado, che risulta essere un problema critico per il tessuto faentino, sia esso centrale o periferico. In seconda istanza, comuni a noi limitrofi, stanno rinnovando da anni la rete pubblica, tramite l’installazione di luci a led, diminuendo l’impatto economico ed ambientale. Su questo ultimo punto, l’amministrazione deve fare una doverosa riflessione, cercando di capire che senza un piano strategico e di visione sul tema delle energie rinnovabili, non si può tergiversare e perdere ulteriore tempo”: aggiunge Alessandro Vitali.

“Per far fronte a questa situazione di emergenza, crediamo che sia opportuno un incremento della presenza delle forze dell’ordine sul territorio con tutti i metodi in possesso dal Comune per tutelare i cittadini faentini bilanciare lo spegnimento della pubblica illuminazione”: conclude l’esponente locale de “Il Popolo della Famiglia”.