Faenza, donazione di cornee da paziene deceduto all’Hospice Villa Agnesina

0
158
Dottore in ospedale

(Sesto Potere) – Faenza – 20 ottobre 2020 – E” stata effettuata alcuni giorni fa la prima donazione di cornee da un paziente deceduto presso l’Hospice “Villa Agnesina” a Castelraniero (Faenza). A donare è stato un uomo di 66 anni, mentre a riportarne la volontà donativa è stato il fratello.

Un’operazione complessa quella che è stata effettuata per il prelievo presso l’Ospedale “Per gli Infermi” di Faenza, guidata dalla dottoressa Giulia Maritozzi e coordinata dall’infermiera Sara Dominici (Ufficio di Coordinamento Ospedaliero Donazione Organi e Tessuti), che ha permesso il prelievo dei tessuti corneali successivamente inviati alla Banca delle Cornee di Bologna, ma grazie alla quale due persone potranno riacquistare la vista. Intervento dal quale emerge che anche per pazienti ricoverati in questa struttura, sussiste in certe circostanze, la possibilità di donare.

Con l’occasione si ricorda che per diventare donatori di organi e tessuti è possibile rilasciare il consenso al momento della sottoscrizione o del rinnovo della carta di identità, esprimere la propria volontà liberamente e portare con sé una dichiarazione firmata o rivolgersi alle Associazioni di volontariato per la donazione. Nel caso in cui non sia stato espresso consenso diretto, a decidere sono i parenti più vicini: la moglie o il marito, i figli, i genitori in caso di minori.

“La diffusione della cultura della donazione ha bisogno di attenzione costante – dice il personale dell’Ufficio Coordinamento Donazione Organi e Tessuti – ringraziamo i donatori e le loro famiglie per la capacità di donare vita nel momento del dolore più intenso. E’ un gesto di amore, di solidarietà, di reale e concreto altruismo che può ridare la felicità e la serenità a quanti sono affetti da patologie oculari. Ci auguriamo che attraverso una capillare formazione del personale sanitario, un’attenta attività di informazione e comunicazione, il servizio possa crescere a favore di quanti aspettano una occasione di guarigione”.