Evade dai domiciliari e mette a segno due furti e una rapina: arrestato

0
141
carabinieri

(Sesto Potere) – Riccione – 13 maggio 2021 – I Carabinieri della Tenenza di Cattolica, al termine di un speditiva attività investigativa, hanno dichiarato in arresto M.N., noto pluripregiudicato del luogo, accusato dei reati di evasione, rapina, furto e resistenza a Pubblico Ufficiale. In particolare, i militari della Tenenza, nel corso del regolare servizio di controllo dei soggetti sottoposti a misure restrittive, si sono presentati alla porta del ragazzo per verificare che fosse regolarmente in casa a scontare la detenzione domiciliare a cui era stato sottoposto meno di una settimana fa a seguito della scarcerazione dai Casetti.

Ma i carabinieri hanno atteso invano perché, senza giustificato motivo, M.N. si era allontanato facendo perdere le proprie tracce. Così sono scattate immediatamente le ricerche e poco dopo, in zona parco della pace a Cattolica, una pattuglia della Polizia Locale si è imbattuta in lui, mentre tentava di scavalcare il cancello di un’abitazione privata, probabilmente per mettere a segno un furto. 

carabinieri di rimini

Subito si sono fiondati sul posto gli uomini dell’Arma, che hanno contribuito ad immobilizzare il ragazzo che nel frattempo aveva opposto resistenza ai due agenti. Quindi è stato condotto in caserma e nel corso degli accertamenti esperiti a suo carico, si è appurato che intorno alle ore 16:00, nel centro cattolichino, aveva rapinato – dietro minaccia di ripercussione fisiche – un orologio finto Rolex ad un giovane del luogo.

Successivamente, resosi conto dello scarso valore del bottino, si era recato in un bar della zona e dopo aver distratto il cassiere con un’ordinazione, aveva trafugato l’incasso pari ad 80 euro, dandosela a gambe.

Nella serata, inoltre, un altro uomo del luogo si è presentato presso la Tenenza per denunciare che nello stesso pomeriggio, un ragazzo lo aveva assalito alle spalle e gli aveva portato via il telefono cellulare, recuperato nell’immediatezza al termine di un breve inseguimento. Durante la denuncia, l’uomo ha riconosciuto M.N. come l’autore del furto subito poco prima.

Una sfilza di reati commessi in un brevissimo lasso di tempo e ad una settimana dalla sua scarcerazione, sono costati a M.N. un nuovo arresto e la riapertura delle porte del carcere di Rimini, dove è stato condotto come da disposizioni del PM di turno.