(Sesto Potere) – Cesena – 15 novembre 2021 – Sono oltre 100 gli studenti dell’Istituto Tecnico Agrario “Garibaldi/Da Vinci” di Cesena che hanno svolto un tirocinio all’estero grazie al progetto “Ewe – European Work-based learning Experiences to boost youth employability and internationalisation”, finanziato dall’Agenzia Nazionale INAPP nell’ambito del programma Erasmus+,  che si è concluso ieri domenica 14 novembre.

Nel dettaglio, il progetto EWE (per il quale l’Istituto Agrario ha potuto contare sul partenariato nazionale dell’Istituto per la Formazione, l’Occupazione e la Mobilità e del Comune di Cesena) ha coinvolto 118 partecipanti di cui 16 fra docenti della scuola e accompagnatori, 16 neodiplomati/e e 86 studenti e studentesse al quarto anno delle classi AAA (Agraria, agroalimentare ed agroindustria) e CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio) dell’Istituto Tecnico Agrario “Garibaldi-Da Vinci” di Cesena.

parlamento europeo

Gli studenti e i neodiplomati hanno preso parte a un periodo di mobilità per tirocinio all’estero rispettivamente di uno e tre mesi (ErasmusPRO) con destinazioni Spagna, Polonia e Portogallo avendo l’opportunità di realizzare un’esperienza lavorativa di valore in un contesto europeo e internazionale.

Nonostante le difficoltà e l’interruzione legata alla pandemia da COVID-19, sono state utilizzate tutte le mobilità previste permettendo il raggiungimento degli obiettivi specifici di progetto. 

Il progetto EWE mira infatti ad aumentare l’occupabilità degli studenti, specialmente con minori possibilità, e a supportare l’avanzamento dei settori agrario e costruzioni, in particolare quello del territorio cesenate.

Gli studenti e le studentesse che hanno preso parte al progetto hanno avuto un forte impatto in termini di miglioramento delle competenze linguistiche e delle prospettive lavorative sviluppando anche un maggiore senso di iniziativa, autonomia e imprenditorialità. Il progetto ha permesso ai partecipanti di mettersi alla prova in un contesto europeo riducendo lo skill mismatch tra le competenze in uscita e quelle attese dal mercato del lavoro e rafforzando le competenze professionali, trasversali e personali.

L’iniziativa mira altresì ad apportare benefici alla società civile cesenate grazie all’impatto sistemico sulle aziende nel settore agrario e delle costruzioni che potranno contare su una forza lavoro maggiormente capace di affrontare le sfide e i bisogni del settore in termini di trend emergenti e internazionalizzazione. Alla luce di un nuovo mercato del lavoro post-pandemico, il progetto ha generato così un valore aggiunto significativo per le imprese del territorio in un contesto di ripresa.