(Sesto Potere) – Forlì – 7 luglio – Ad affrontare il problema dell’emergenza cavallette in Romagna è il parlamentare della Lega Jacopo Morrone che, in un’interrogazione rivolta al ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, denuncia “le nuove sventure, siccità e invasione di cavallette, con cui sono costretti a fare i conti agricoltori e allevatori delle province di Ravenna e Forlì-Cesena, dopo essere stati tartassati da rincaro dei prezzi delle materie prime e costi dei carburanti e dell’energia”.

Patuanelli

“Le cavallette – spiega Morrone – mettono a rischio raccolti, coltivazioni in campo, orti e giardini, causando danni di riflesso anche a allevamenti e aziende zootecniche di collina e montagna che rischiano di rimanere senza foraggio per alimentare gli animali e essere costretti ad acquistarlo altrove con danni economici rilevanti.
I motivi dell’invasione sono da ascrivere al periodo di siccità, ma soprattutto all’abbandono delle terre. La lavorazione dei terreni, infatti, rappresenta uno dei fattori agronomici di contenimento delle popolazioni di cavallette che, in questa situazione, non hanno spazio per deporre le uova e riprodursi. Si può poi agire sui potenziali predatori naturali, come gli uccelli e i parassitoidi per contenere le infestazioni a livello endemico, limitando al massimo i danni”.

Morrone sollecita quindi il ministro Patuanelli a mettere in atto iniziative “per contrastare la proliferazione di cavallette e per sostenere gli agricoltori e gli allevatori romagnoli colpiti da questo flagello in modo da favorire la ripresa produttiva e economica delle imprese agricole presidi indispensabili per l’intero territorio”.