(Sesto Potere) – Bologna, 3 marzo. Un apposito registro regionale dove poter raccogliere e consultare i piani di eliminazione delle barriere architettoniche elaborati dai Comuni dell’Emilia Romagna.

È questa la proposta lanciata dal consigliere regionale Massimiliano Pompignoli in materia di fruibilità degli edifici pubblici, dei mezzi di trasporto urbano e degli spazi aperti al pubblico da parte delle persone con disabilità.

Massimiliano Pompignoli

“Stiamo lavorando alla stesura del progetto di legge partendo dal buon esempio della regione Lombardia, dove questo strumento è stato istituito a larga maggioranza con la legge regionale n. 14 del 9 giugno 2020” – spiega il consigliere Pompignoli – “l’obiettivo è quello di monitorare e promuovere l’adozione dei piani di eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA) da parte dei comuni, delle province e della Città metropolitana di Bologna e, al tempo stesso, di individuare le amministrazioni inadempienti. Il Registro dei PEBA, una volta istituito attraverso l’utilizzo di risorse umane, strumentali e finanziarie dell’Assessorato regionale competente, dovrà essere facilmente accessibile ai cittadini di tutta la regione per visualizzare, consultare e scaricare i documenti relativi ai territori comunali di interesse.”

“Il PEBA” – conclude Pompignoli – “è uno strumento molto importante per favorire una mobilità libera e sicura e monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità degli edifici per tutti i cittadini. La maggior parte dei comuni però, ne è sprovvista. A Forlì, grazie all’ottimo lavoro di indagine ed approfondimento svolto dagli Assessori Giuseppe Petetta e Rosaria Tassinari in collaborazione con le associazioni del territorio e le categorie più fragili, il documento sarà adottato entro la fine dell’anno andando a colmare un vuoto importante ereditato da altri.”