Elezioni regionali in Emilia-Romagna, sondaggio MG Research: “Centrodestra +9% su Centrosinistra”

0
97

(Sesto Potere) – Bologna – 1 novembre 2019 – Sarebbe  segnata sul nascere  la sfida tra il governatore uscente Stefano Bonaccini e la sfidante  Lucia Borgonzoni. In Emilia-Romagna la coalizione di Centrodestra con un 46,5% conquisterebbe clamorosamente una delle  storiche “regioni rosse” superando ampiamente il Centrosinistra a guida Pd , fermo al  37,5%. Ad elaborare questa stima è Roberto Baldassari , direttore generale di MG Research Srl, società specializzata nelle indagini statistiche, che ha indicato i dati del suo ultimo sondaggio pubblicato ieri  dal portale web  Affaritaliani.it. 

Nel dettaglio, in Emilia Romagna la Lega risulterebbe nettamente il primo partito con una percentuale tra il 31 e il 35% (valore centrale della forchetta 33%). Fratelli d’Italia in ascesa diventerebbe il secondo partito della coalizione, come in Umbria, con il 6,5-8,5% (valore centrale 7,5%). Mentre Forza Italia si attesterebbe  tra il 4 e il 6% (valore centrale 5%). Altre forze politiche  di Centrodestra 0-2% (valore centrale 1%).

Sul fronte opposto, il Partito Democratico , in forte calo, diventerebbe  la seconda forza dell’Emilia Romagna con il 25-29% (valore centrale 27%). Mentre il neonato movimento di Matteo Renzi, Italia Viva, si attesterebbe al 4,5-6,5% (5,5%). I Verdi conquisterebbero un 1,5-3,5% (2,5%), la Sinistra 0,5-2,5% (1,5%) , mentre  altri partiti di Centrosinistra non più dello  0-2% (1%).

Un disavanzo complessivo di ben 9  punti percentuali  rispetto al Centrodestra. Per avere un’idea delle tendenze elettorali: alle ultime elezioni europee del 26 maggio in Emilia Romagna la Lega risultò il primo partito con il 33,8%, seguita a breve distanza dal Partito Democratico con 31,2%.

bonaccini

Il Movimento 5 Stelle, in forte calo, sempre in base al sondaggio elaborato da Baldassari, si attesterebbe fra l’8 e il 12%, con un valore medio più probabile, del 10% (alle europee  conquistò il 12,9%).

Impossibile prevedere un’alleanza tra Centrosinistra e “grillini” visto che appena ieri, Andrea Bertani, capogruppo uscente in Regione del M5S, ha dichiarato in un’intervista al Carlino che “alle regionali il Movimento correrà da solo” , presentando una propria lista, con un candidato presidente che sarà deciso in questi giorni, “valutando anche una figura civica, proveniente da mondi ambientalisti e/o dell’associazionismo”.

Alle regionali del prossimo 26 gennaio 2020 correrà da solo anche il Partito Comunista di Marco Rizzo, che ha già annunciato non farà   alcuna alleanza, e nel sondaggio per Affaritaliani.it si attesta tra lo 0,5 e il 2,5%, con un valore centrale di 1,5%.

Altri partiti o liste civiche – in Emilia-Romagna corrono anche i ‘no vax’ – sono stimate al 3,5-5,5% (valore centrale 4,5%).

Dunque, numeri del sondaggio alla mano,  la vittoria di Salvini-Meloni-Berlusconi anche in Emilia Romagna è praticamente certa.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here