(Sesto Potere) – Forlì – 11 agosto 2022 – Il “Club per la Libertà” Forza Italia Forlì ha inviato nei giorni scorsi una lettera aperta al Presidente del partito Silvio Berlusconi. Nella missiva, sottoscritta da 16 persone e tra loro il capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia Lauro Biondi, il coordinatore provinciale Forza Italia Senories Massimo Viroli (i due nella foto in alto), l’ex consigliere provinciale Rotilio Biserna e l’esponente del Psi Raffaele Procicchiani, divulgata contestualmente anche ai mass media, si formulano alcune proposte in vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre.

berlusconi

La principale richiesta è “inserire tra i candidati uomini e donne che rispondono anche all’appello che proviene dalla periferia” si chiede inoltre di “non far coincidere il ruolo di ministro o sottosegretario con quello di parlamentare”.

Il “Club per la Libertà” Forza Italia Forlì pone anche la questione “che non si può più tollerare” della gestione del partito a livello locale: “il Partito non può più vivere gestito in modo approssimativo (quando va bene), da commissari o da emissari che non sanno cosa voglia dire fare politica sul territorio. Dal loro valore e dal loro impegno, infatti, dipendono i collegamenti centro-periferia. Al momento, senza tale collegamento, non esiste alcuna possibilità concreta per il partito di dispiegare le proprie forze sul territorio”.

E si elencano anche i politici eletti a vario titolo (in parlamento e negli enti locali) fuoriusciti da Forza Italia ed anche coloro che sono rimasti ma “non hanno mai tenuto alcun rapporto col territorio” contrariamente a quanto promesso “in campagna elettorale”.

A Berlusconi il “Club per la Libertà” Forza Italia Forlì si chiede espressamente un incontro (a lui o un suo delegato) per parlare di questi argomenti e per “presentare uomini e donne in grado di rappresentare al meglio il partito”.