(Sesto Potere) – Cesenatico – 20 settembre 2022 – Tanti imprenditori e operatori turistici hanno partecipato lunedì sera al Museo della Marineria di Cesenatico all’evento su Bolkestein e turismo con i candidati di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati Galeazzo Bignami ed Alice Buonguerrieri. Introdotti dal coordinatore comunale Sebastiano Padovan, che ha ricordato come il partito di Giorgia Meloni si sia da sempre battuto in difesa dei balneari e contro “l’espropriazione di 30mila aziende”: FdI ha assicurato il massimo impegno per fermare l’applicazione della Direttiva sulle concessioni balneari.

“Con Fratelli d’Italia al governo ci impegniamo ad impugnare come Parlamento le note sentenze del Consiglio di Stato, che ha travalicato le sue competenze, e nei fatti ha promosso un esproprio di Stato, e sospendere nel frattempo le aste  – ha evidenziato Alice Buonguerrieri – Sarà il prossimo governo a verificare tutte le possibilità per difendere un settore fondamentale del turismo italiano e salvaguardare le imprese balneari. Questa operazione avvallata dal Governo Draghi con il benestare della sinistra serve solo ad aprire il nostro turismo ai grandi gruppi stranieri che così potranno gestire le eccellenze italiane e cambiare volto a un pilastro del sistema turistico tricolore. Un sistema costruito con la fatica e gli investimenti di imprenditori che ora dovrebbero subire unilateralmente questa decisione: è inaccettabile”.

“Gli operatori balneari hanno investito per realizzare e sviluppare gli stabilimenti – ha sottolineato Bignami – la revoca unilaterale delle concessioni vanifica quegli investimenti e la storia degli stabilimenti stessi, frutto della fatica degli operatori balneari che hanno riqualificato la costa”.

Buonguerrieri e Bignami hanno evidenziato la necessità di spingere sul turismo. “Fare un viaggio nella Patria di Dante è il sogno di tutti gli stranieri – hanno detto – Eppure l’Italia finora non è riuscita a valorizzare adeguatamente il settore turistico e della ricettività, sfruttando a dovere le sue vaste potenzialità. Noi siamo per la valorizzazione e la promozione di un’offerta turistica diversificata, per il coordinamento tra le politiche nazionali e ragionali in materia. Il Made in Italy può trarre giovamento da un turismo ancora più sviluppato, capace di alimentare un indotto oltremodo rilevante per il nostro territorio”.

La stagione turistica ormai volge al termine, una stagione dove gli operatori si sono scontrati con difficoltà nel reperimento del personale. “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, non sul reddito di cittadinanza – ha evidenziato Buonguerrieri – Un giovane non può prendere più soldi di un pensionato o di un disabile stando semplicemente a casa sul divano: noi siamo per l’abolizione del Reddito di cittadinanza e per introdurre un nuovo strumenti che tuteli i soggetti svantaggiati e chi veramente non può lavorare”.

I due candidati hanno poi rimarcato la necessità di un fisco più equo e giusto, di sfruttare nel modo migliore i fondi del Pnrr anche in ambito turistico ed energetico, di difendere la famiglia tradizionale dando nuovi sostegni alla natalità. E poi il nodo dell’energia. “Dobbiamo prevedere aiuti immediati per le famiglie e imprese in difficoltà e riprendere immediatamente le estrazioni del gas dal nostro Mare Adriatico, cosa che Fratelli d’Italia chiede da oltre un anno. La Croazia estrae dal nostro mare il nostro gas e noi siamo praticamente fermi a causa dei no ideologici della sinistra – ha concluso Bignami – l’Italia ha tutte le carte in regola per farcela da sola”.