Election day per referendum, regionali e comunali: 46 mln di italiani al voto

0
1315
elezioni

(Sesto Potere) – Roma – 19 settembre 2020 – Domenica 20 settembre (dalle 17 alle 23) e lunedì 21 settembre 2020 (dalle 7 alle 15) è in agenda il referendum costituzionale confermativo relativo alla riduzione del numero dei parlamentari, elezioni suppletive del Senato della Repubblica e si vota anche in sette Regioni e in 962 Comuni italiani.

scheda elettorale elezioni urna

Secondo la direzione centrale dei Servizi elettorali, sono 46.641.856 gli elettori chiamati ad esprimersi per il referendum costituzionale e 18.473.922 quelli per le elezioni regionali, che interessano 6 regioni a statuto ordinario (Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana e Veneto) e 1 a statuto speciale (Valle d’Aosta).

Per le elezioni suppletive del Senato della Repubblica, gli aventi diritto al voto sono 467.122 per la Sardegna (Collegio plurinominale 01 – Collegio uninominale 03 Sassari) e 352.696 per il Veneto (Collegio plurinominale 02 – Collegio uninominale 09 Villafranca di Verona).

Le elezioni amministrative interessano, inoltre, 962 comuni e coinvolgono 5.725.734 elettori. Tutti i dettagli sul corpo elettorale sono consultabili su Eligendo.

Il quesito stampato sulla scheda del referendum costituzionale è:“Approvate il testo della legge costituzionale concernente «Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari», approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.240 del 12 ottobre 2019?”

Per la validità del referendum costituzionale confermativo, a differenza che per il referendum abrogativo, non è previsto dalla legge un quorum di validità; non si richiede, cioè, che alla votazione partecipi la maggioranza degli aventi diritto al voto e l’esito referendario è comunque valido indipendentemente dalla percentuale di partecipazione degli elettori.

Lunedì 21 settembre, dalle 15, inizierà lo spoglio. Prima toccherà al taglio dei parlamentari, poi al voto in Valle d’Aosta, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia. Mentre a partire dalle 9 di martedì 22 settembre sarà la volta dell’apertura delle urne dei Comuni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here