E-commerce, 67,7% utenti non compra da aziende con 4 o più recensioni negative

0
1110

(Sesto Potere) – Milano, 19 aprile 2021 – L’aumento degli acquisti online e delle recensioni dei clienti rendono necessario conoscere, per un’azienda o un compratore in generale, quale sia l’opinione degli acquirenti a proposito del servizio o del prodotto che si offre. In caso di recensione negativa, infatti, il cliente preferisce optare per un altro brand.

Questa e altre informazioni sono al centro delle indagini condotte dal Centro Studi di ReputationUP, impresa leader a livello mondiale nell’Online Reputation Management e Diritto all’Oblio.

Le recensioni negative: un rischio per le aziende

L’idea che si scelga un altro brand se un’azienda ha 4 o più recensioni negative nella ricerca Google, suppone un rischio per l’azienda stessa. Da un lato, infatti, si produrrà un calo di visualizzazioni del sito e, di conseguenza, delle vendite. Per quanto riguarda la reputazione online, invece, una recensione negativa, falsa o dannosa può distruggere l’immagine e la reputazione dell’azienda.

“La reputazione online ha un ruolo centrale per le aziende, ma molti tendono a sottovalutarne le implicazioni”, sottolinea Andrea Baggio, CEO Europa di ReputationUP. 

“Tutto ciò che circola online, i dati e le informazioni, possono essere utilizzati con fini negativi, fraudolenti o diffamatori. Bisogna essere consapevoli del fatto che così si possono danneggiare in maniera irreparabile persone e aziende”, afferma Juan Ricardo Palacio, CEO America de ReputationUP. 

Info

Diventa fondamentale così essere in grado di proteggere la propria reputazione digitale anche attraverso la gestione delle recensioni, proteggendosi anche nel caso di una possibile diffamazione online. Per info: www.reputationup.com