(Sesto Potere) – Roma – 21 luglio 2022 – Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha reso ieri le comunicazioni al Senato della Repubblica. Dopo la discussione generale, ha tenuto l’intervento di replica. Alla votazione di fiducia sulla mozione Casini , con soli 95 voti favorevoli, non hanno partecipato M5S, Lega e Fi.

Questa mattina il Presidente Draghi era atteso alla Camera dei Deputati e nell’occasione ha comunicato le sue  dimissioni da presidente del Consiglio leggendo un discorso brevissimo, per annunciare: “Mi recherò al Quirinale per comunicare le mie determinazioni”.

Roma- Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Mario Draghi , oggi 21 luglio 2022. (Foto di Paolo Giandotti – Ufficio Stampa per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Preso atto dell’esito negativo della crisi di governo il premier dimissionario s’è dunque recato al Quirinale.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, (vedi foto in alto), il quale, dopo aver riferito in merito alla discussione, e al voto di ieri presso il Senato, ha reiterato le dimissioni sue e del Governo da lui presieduto.

Il Presidente della Repubblica ne ha preso atto.

Il Governo – ha letto il  Segretario Generale della Presidenza della Repubblica Ugo Zampetti – rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti.

La strada è quella del voto anticipato rispetto alla scadenza naturale della legislatura – che era fissata al febbraio/marzo 2023 – con una chiamata degli italiani alla urne in una data probabilmente compresa fra il 2 ottobre o il 9 ottobre. ma potrebbe essere anche prima: a settembre. A quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti di governo, è il 18 settembre la data sulla quale si sta ragionando in queste ore per il ritorno alle urne

Nel pomeriggio il Presidente della Repubblica, Mattarella , parlerà alla Nazione dopo aver incontrato i presidenti del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e della Camera, Roberto Fico.