(Sesto Potere) – Rocca San Casciano – 26 gennaio 2022 – E’ una boccata d’arte quella proposta nella quindicesima puntata di “Do ciacri”, con l’incontro con il pittore toscano, rocchigiano d’adozione, Marco Pasquini. A dialogare con l’artista è Vincenzo Bongiorno, ideatore e curatore della rubrica video pubblicata sulla pagina Facebook (https://www.facebook.com/Cambia-VITA-Rocca-San-Casciano-114806190319633) del Progetto “Cambia VITA” (oltre 600 visualizzazioni nei primi due giorni), oltre che sulla sua pagina personale.

Le riprese sono opera come sempre del giovane Davide Pieri, mentre il montaggio di “Luca e Paolo video making”. Una passione per l’arte che sboccia sin da bambino, quella di Pasquini: “La prima volta che entrai nella bottega di un pittore – racconta – nel Mugello dove sono nato, avevo nove anni. Dai pittori venivo accolto con simpatia, anche perché per la giovane età spesso mi inviavano a fare piccole commissioni, come l’andare al tabacchi a prendere le sigarette o al bar per un panino”.

È uno stile macchiaiolo quello di Pasquini, che riprende scorci e spesso soggetti calati nella realtà tra fine ‘800 e inizi’ 900.

Da un’idea di Stefano Tedioli di Modigliana, le sue opere sono state riprodotte anche in mazzi di carte (da marafone, ramino fino al memory) con a tema “Terre e paesi della Romagna”, una raccolta analoga sull’Emilia (luoghi e personaggi), e una sulla vita di Silvestro Lega, noto pittore macchiaiolo originario di Modigliana (vedi foto).

Pasquini poi aggiunge: “Il fatto di abitare a Rocca è fonte di ispirazione poiché vi è un paesaggio naturalistico simile a quello in cui sono nato. Io amo dipingere ‘en plein air’ all’aperto, a contatto con la natura. Anche le esposizioni preferisco farle all’aperto, in mezzo al pubblico”.

Qui il video dell’intervista (link)

Per seguire il pittore sui social, vi è la sua pagina Facebook (Pasquini Marco painter), oppure lo si può contattare all’indirizzo mail pittorepasquini@yahoo.it .