(Sesto Potere) – Forlì, 13 gennaio. Ridurre il digital divide attraverso l’estensione della nuova rete ultraveloce. È questo l’obiettivo che si pone il Comune di Forlì con l’avvio e il potenziamento dei lavori di messa in posa della fibra ottica nelle aree più periferiche del territorio.
“In questi giorni sono in corso i lavori a Villafranca, San Martino in Villafranca, Carpinello, Pievequinta, Caserma e Casemurate” – spiegano in una nota congiunta gli Assessori Valerio Melandri e Giuseppe Petetta.

“Nei mesi scorsi abbiamo incontrato più volte i gestori di rete, sollecitandoli a intervenire nelle aree scoperte dalla banda ultra larga. Si tratta perlopiù di quartieri periferici del nostro Comune, densamente popolati, che più volte, tramite i comitati di zona, i residenti e le numerose imprese, hanno chiesto l’estensione della fibra ottica per garantire pari opportunità di connettività. Alcuni comitati erano addirittura anni che sollecitavano questi lavori” – proseguono gli Assessori – “noi abbiamo convocato i gestori in numerose occasioni, condiviso il progetto e concesso in tempi rapidissimi le apposite autorizzazioni per lo sviluppo di infrastrutture per la banda ultra larga nelle aree più fragili del territorio di Forlì.”

municipio di forlì

“Nei prossimi mesi” – aggiunge l’Assessore Petetta – “interverremo anche ai Romiti, Villanova, San Varano, San Benedetto, Pianta e Ospedaletto, Foro Boario, Roncadello, Vecchiazzano e San Martino in Strada. Anche per queste zone abbiamo già rilasciato le dovute autorizzazioni al gestore per procedere con gli scavi e la messa in posa della rete. Non solo, sono già in corso ulteriori interlocuzioni con la ditta concessionaria dei lavori per coprire altre parti del territorio”.

“Il divario digitale rappresenta a tutti gli effetti una nuova forma di disuguaglianza sociale, economica e culturale” – conclude l’Assessore Melandri – “produce danni sostanziali per chi lo subisce e rafforza le situazioni di isolamento. Quello che intendiamo fare con questo importante progetto è mettere nelle stesse condizioni digitali tutti forlivesi, a prescindere da dove abitino o lavorino, fornendogli gli strumenti telematici necessari a consentire un’efficace navigazione.”