Di Maio (Iv): “Recovery plan opportunità per la Romagna, ma serve gioco di squadra”

0
224

(Sesto Potere) – Forlì – 9 luglio 2021 – “Il Pnrr è una grande opportunità per Forlì e la Romagna; ma non basta avere a disposizione una grande molte di risorse a cui puntare, abbiamo bisogno di progetti in grado di intercettarli. Una sfida che si può vincere solo col gioco di squadra tra istituzioni e forze politiche, economiche, sindacali, culturali, sociali”. Lo ha detto il deputato Marco Di Maio, intervenendo in collegamento ad un convegno organizzato dal Centro studi Leonardo Melandri venerdì pomeriggio.

paolo calvano

“Governo e parlamento stanno lavorando alla governance dei fondi del Recovery plan – ha detto parlando in collegamento audio, di rientro dai lavori parlamentari sul decreto semplificazioni – per accelerare l’accesso ai fondi e sostenere gli enti locali nella progettazione; ma sono i territori a dover decidere su cosa puntare”. 

Nel corso del convegno, a cui hanno preso parte l’assessore regionale Paolo Calvano e i sindaci di Forlì e Cesena, Gianluca Zattini ed Enzo Lattuca, si è parlato di infrastrutture, trasporti, mobilità, sanità. “Temi fondamentali e che condivido come prioritari, ma – ha detto Marco Di Maio – non dimentichiamo l’importanza di investire anche sulle infrastrutture immateriali e sulla parità, perchè l’occupazione femminile e i servizi alla persona sono fondamentali per garantire uno sviluppo futuro di qualità”. 

In particolare il deputato romagnolo si è soffermato sull’importanza “di investire sulla connessione ad alta velocità, che è fondamentale non solo per le grandi aree urbane, ma anche per dare un futuro alle piccole comunità, dove con banda ultralarga e 5G, per i quali il Recovery plan italiano mette a disposizione oltre 5 miliardi di euro, potremo garantire servizi e possibilità di lavorare che oggi sono precluse. Lo smart working può essere una nuove frontiera per le realtà collinari e montane, non commettiamo l’errore di farci bloccare da ideologie e fanatismi su questo tema”.