Di Maio (Iv) firma mozione parlamentare per mettere fuori legge i movimenti neofascisti

0
75

(Sesto Potere) – Forlì – 12 ottobre 2021 – “Ho firmato, assieme ai colleghi deputati di Italia Viva, la mozione parlamentare per chiedere al governo lo scioglimento di Forza Nuova. Un’adesione convinta, coerente con un impegno che ho sempre sostenuto contro queste organizzazioni in pubblico e nelle sedi istituzionali (con interrogazioni e non solo). Spiace, invece, leggere che non tutti i deputati del parlamento italiano aderiranno a una mozione che chiede di agire nel rispetto della nostra amata Costituzione, che vieta espressamente qualsiasi forma di ricostituzione o rimando al disciolto partito fascista”.

Lo afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio, capogruppo in Commissione Affari costituzionali.

“Mentre non mi sorprendono le posizioni di Fratelli d’Italia i cui legami con quella ideologia sono ancora purtroppo presenti in un buon numero dei suoi esponenti come dimostrano le recenti inchieste giornalistiche, resto perplesso leggendo le posizioni di Lega e Forza Italia – prosegue -. “Non possiamo firmare la mozione perché ci sono stati altri totalitarismi che vanno condannati”, dicono. E certo che ci sono stati, il comunismo in Unione Sovietica e non solo è stato altrettanto sanguinario. Ma l’Italia, per fortuna, non ha conosciuto quel regime e si è liberata dal nazifascismo al prezzo di sofferenze, distruzione e una quantità enorme di morti”.

“L’Italia – prosegue il parlamentare – si è dotata di una Costituzione che chiaramente mette fuori legge ogni tentativo di far rinascere o far rivivere in qualche forma il partito fascista. E di questo si occupa Forza Nuova, come altri movimenti. Nascondersi dietro al fatto che “ci sono stati altri totalitarismi”, significa voler trovare un modo per continuare ad alimentare posizioni ambigue e antistoriche. Questo è uno di quei casi in cui o si sta da una parte o dall’altra, le vie di mezzo non esistono quando si parla di antifascismo. Io, noi, sappiamo bene da che parte stare”.