“Decreto Sostegni”, Bevilacqua (Ugl): “In Emilia-Romagna penalizzati i ‘piccoli’ e ‘medi’ imprenditori di commercio e ristorazione”

0
252

(Sesto Potere) – Bologna – 22 marzo 2021 – Tempo 24 ore e già si registrano proteste per il contenuto del “Decreto Sostegni” illustrato venerdì, in conferenza stampa, dal presidente del consiglio Mario Draghi e dai ministri dell’ Economia e del Lavoro (nella foto qui nella pagina, ndr). Il dispositivo prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019, con cinque fasce   di sostegno calanti  dal 60% al 20%   e l’eliminazione del riferimento ai codici Ateco, ampliando la platea dei  soggetti beneficiari. “Non basta”:  hanno già detto le associazioni del commercio in Emilia-Romagna.

Parliamo di un settore già in crisi. Da un lato il Covid, dall’altro il crollo dei consumi che la stessa emergenza sanitaria ha contribuito a generare, si conta la chiusura di oltre 10mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi di mercato in Emilia Romagna nel 2020. 

“Gli aiuti andranno da un minimo di 1.000 a un massimo di 150.000 euro, ma paradossalmente chi non rientra nelle soglie delle cinque fasce di ristoro basate sul fatturato 2019 dal  60 al 20% delle perdite  non riceverà  alcun ristoro, e tra questi  i rappresentanti del comparto della ristorazione collettiva. Chi ha perso “solo” il 50% prenderà in percentuale  meno ristori. Così come risultano penalizzati discoteche e locali notturni,   fondamentali per l’attrattiva turistica  della Riviera Adriatica, in particolare, e tuttora uno dei settori più colpiti.   Ed anche   nei comparti come l’abbigliamento, il commercio al dettaglio, bar e ristoranti, gli imprenditori, soprattutto i ‘medio’ e ‘piccoli’,  percepiranno in media meno rimborsi rispetto a quelli stanziati a novembre dal precedente governo”: spiega Tullia Bevilacqua, segretario regionale Ugl Emilia-Romagna. 

Secondo il sindacato  servono  ristori più adeguati in termini di risorse, più inclusivi in termini di parametri d’accesso, più tempestivi in termini di meccanismi operativi.

E poi, come già accaduto in passato,  anche il “Decreto Sostegni” del nuovo governo  non soddisfa partite Iva, lavoratori autonomi  e liberi professionisti  iscritti ad ordini professionali.

“Il governo ha previsto un sistema di calcolo burocraticamente complesso e soprattutto penalizzante che porterà pochi spiccioli nelle tasche dei lavoratori autonomi. Parliamo di una categoria, quella delle partite Iva e delle cosiddette “microimprese”, che era stata esclusa ingiustamente dai ristori anche l’anno scorso e che adesso potrà beneficiare di un aiuto pubblico intorno ai 1.000 euro a fronte di incassi pari quasi a zero. Un provvedimento decisamente iniquo che colpisce in particolare persone che garantiscono attività di preparazione di cibi e bevande e servizi di catering. Attività storicamente importanti in Emilia-Romagna, la terra del cibo e del cosiddetto ‘buon vivere’ Iva e professionisti dei vari ordini professionali avevano ricevuto soltanto un, insufficiente, bonus una tantum, esclusi da tutti i contributi a fondo perduto. Giova ricordare che dalle  piccole e medie imprese dipendono molti lavoratori e le loro famiglie”: aggiunge Tullia Bevilacqua.

E, intanto,  le imprese devono affrontare anche  i tempi lunghi di erogazione dei contributi: i bonifici   partiranno non prima di Pasqua, visto che – come ha spiegato il premier Draghi – il meccanismo dell’ erogazione diretta sarà affidato all’Agenzia delle Entrate che dovrà mettere a disposizione degli utenti  un’apposita piattaforma telematica dove si dovranno compilare schede dedicate alla richiesta il contributo: “Auspichiamo che non si debbano verificare disservizi, blocchi, e lungaggini, come per situazioni simili purtroppo già registrate nei mesi scorsi. La storia insegna”: conclude   il  segretario regionale dell’ Ugl Emilia-Romagna, Tullia Bevilacqua.