Dal Comune di Parma riconoscimento alle donne della Sanità

0
199

(Sesto Potere) – Parma – 24 luglio 2020 –  Un riconoscimento e un ringraziamento per le donne che operano nella Sanità. Non ci sono stati molti dubbi: un Premio per le donne della Sanità che hanno lavorato, curato, accudito, consolato nel periodo di emergenza appena trascorso era necessario.

E poiché l’emergenza Covid ci ha privato delle consuete manifestazioni di Marzo, mese generalmente dedicato alledonne, il Comune di Parma ha pensato di conferire un riconoscimento alle tutte le donne dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, dell’Azienda USL, dell’Ordine degli infermieri, dell’Ordine dei Medici, alle donne medico dell’Università di Parma che, “nel periodo di emergenza sanitaria Covid-19, con competenza, professionalità e passione, hanno curato, consolato, sorretto, sorriso con gli occhi”. E lo ha fatto consegnandolo alle rappresentanti individuate dalle stesse Aziende e dagli Ordini Professionali. 

A tutte loro il riconoscimento della città di Parma. Una motivazione che racconta di un lavoro prezioso di cui bisogna continuare a parlare perché se il desiderio è quello di guardare avanti, lasciare alle spalle dolore, fatica, stanchezza è, anche, importante fermarsi e valorizzare quanto è stato fatto e quanto è accaduto.

A ricevere la pergamena, nel corso di una cerimonia pubblica, che si è tenuta mercoledì 22 luglio 2020, alle 18, sotto i Portici del Grano, dalle mani del Sindaco Federico Pizzarotti e dall’Assessora alle Pari opportunità Nicoletta Paci, a nome di tutte le donne dell’ente rappresentato, sono state:

per l’Azienda USL: Silvia Paglioli, Dirigente del Dipartimento Sanità Pubblica; per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria:Isabella Raboini, Dirigente delle Professioni Sanitarie – Area Infermieristica; per le donne medico dell’Università di Parma:Tiziana Meschi, Professoressa del Dipartimento di Medicina e Chirurgia; per l’Ordine degli infermieri: Marina Iemmi, Presidente dell’Ordine e per l’Ordine dei Medici: Mariangela Dardani Consigliera dell’Ordine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here