(Sesto Potere) – Bologna, 15 ottobre. “Gli animali meritano rispetto e tutele. E se è vero che lo scoiattolo grigio è compreso tra le specie esotiche invasive indicate dalla UE, che prevede disposizioni per prevenirne e gestirne l’introduzione e la diffusione, è altrettanto vero che la soluzione prevista dalla Regione Emilia-Romagna per eliminare questi scoiattoli va contro ogni regola del benessere animale”:

così in una nota il parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna (nella foto in alto), e il consigliere regionale del Carroccio Daniele Marchetti (nella foto a lato), primo firmatario di un’interrogazione presentata in Regione.

“La Giunta Bonaccini, il 6 ottobre scorso, ha approvato un documento dove si prevede che questi piccoli animali siano catturati in gabbie-trappola, trasferiti in contenitori ermetici di plastica rigida e soppressi per soffocamento attraverso la somministrazione di anidride carbonica. Una soluzione crudele assolutamente non condivisibile visto che esistono alternative non cruente. Pur concordando sulla necessità di prevenire l’espansione di questi scoiattoli, chiediamo con forza che sia individuato un sistema che ne rispetti la vita e il benessere”: evidenziano Jacopo Morrone e Daniele Marchetti .

“Nel Regno Unito, per esempio, si è deciso di risolvere il problema con una sterilizzazione di massa degli scoiattoli attraverso la somministrazione di un farmaco orale aggiunto a una crema alle nocciole di cui gli scoiattoli sono ghiotti. Ma esistono anche altre soluzioni. Sarebbe bastato aprire un Tavolo di confronto con gli enti preposti al controllo e le associazioni protezioniste. Di qui, la pressante richiesta alla Giunta Bonaccini di ritirare immediatamente il documento che prevede la crudele soppressione degli scoiattoli grigi e di mettere in atto soluzioni alternative”: concludono i due esponenti della Lega.