(Sesto Potere) – Gambettola – 21 gennaio 2023 – E’ stato un report che Emiliano Paesani, (nella foto in alto), consigliere di opposizione del gruppo Sicuramente Gambettola, definisce “agghiacciante” quello presentato alcuni giorni fa dalla Polizia postale sul cybercrime nell’ultimo anno, statistiche preoccupanti “complice anche una pandemia che ha recluso sempre di più le vittime in casa” che lo hanno convinto a portare in consiglio comunale un’azione su questo tema così delicato.

“Nel 2021” spiega Emiliano Paesani “è stato registrato un incremento estremamente significativo dei casi di adescamento ondine e sfruttamento sessuale dei minori: lo segnala la Polizia Postale, specialità della Polizia di Stato dedicata alla repressione dei reati della rete, che registra un aumento del 70% dei casi di pedo-pornografia online.”

Sulla base di questi dati Paesani intende “stimolare” il sindaco Letizia Bisacchi e l’amministrazione comunale: “ad occuparsi di questa emergenza e del rischio che ogni giorno corrono i giovani cittadini che accedono al mondo del web. Tutti noi utilizziamo sempre di più i servizi che internet offre per fare acquisti, acquisire informazioni ed interagire con altre persone, con tanti vantaggi ma anche tantissimi rischi. E a rischio sono maggiormente i nostri bambini, soprattutto se l’utilizzo avviene senza la consapevolezza delle insidie che si possono nascondere online.”

A parere del consigliere del gruppo Sicuramente Gambettola “E’ fondamentale che un’amministrazione comunale prenda atto dei rischi a cui sono esposti i propri cittadini e promuova azioni di informazione e prevenzione in collaborazione con gli enti del territorio. Con questa convinzione il nostro gruppo intende stimolare una riflessione all’interno del consiglio comunale che porti ad azioni concrete e utili alla cittadinanza.”

Ed Emiliano Paesani ha quindi presentato in consiglio comunale una Mozione a tema proponendo “interventi di prevenzione sulla sicurezza in rete”.

Nel dettaglio, aggiunge Paesani: “proponiamo al Consiglio Comunale di adoperarsi, anche con le forze di Polizia preposte, per organizzare iniziative mirate alla sensibilizzazione e alla formazione sulla sicurezza online dei più giovani. E ci auguriamo che il sindaco accolga la nostra proposta di buon senso e che si attivi per rendere sempre più sicuro e consapevole l’approccio al web della comunità locale. Oltre a sostenere interventi di prevenzione riteniamo sia estremamente importante che la cittadinanza sappia a chi rivolgersi in caso di sospetto adescamento online di minori” conclude il consigliere di opposizione del gruppo Sicuramente Gambettola che invoca anche “campagne informative per aumentare la conoscenza del fenomeno e delle istituzioni a cui rivolgersi in caso di bisogno”.