(Sesto Potere) – Ferrara – 26 marzo 2021 – Continuano i servizi straordinari  e quotidiani di controllo del territorio, disposti dal Questore di Ferrara, nelle zone più sensibili della città, con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna. Il bilancio è di 4 persone denunciate, 179 persone identificate di cui 21 con precedenti di polizia, 73 veicoli controllati, 6 posti controlli, 7 esercizi commerciali controllati, un’ espulsione dal territorio nazionale ed una sanzione amministrativa ex art 688 codice penale. Durante i controlli sono state verificate 3 unità abitative e identificati 06 cittadini extracomunitari tutti regolari sul territorio nazionale.

In particolare si segnalano alcuni episodi.

Durante un posto di controllo in viale Po, un uomo avvicinava gli operatori identificandosi come addetto alla sicurezza di un supermarket affermando che poco prima un cittadino extracomunitario aveva perpetrato un furto riuscendo poi a sfuggire nonostante l’invito a fermarsi. Riferiva, altresì, che aveva notato l’uomo entrare e insospettitosi dall’atteggiamento guardingo lo seguiva, quando nei pressi del reparto alimenti confezionati lo vedeva occultare all’interno di una borsa delle confezioni di formaggio per poi varcare velocemente la barriera di uscita senza pagare nonostante l’intimazione a fermarsi. Sul posto gli Agenti acquisivano le immagini di videosorveglianza interna dalle quali potevano individuare il malvivente già noto agli operatori per diversi interventi analoghi. Rintracciato poco dopo, il cittadino di nazionalità marocchina di anni 32 al termine delle formalità di rito veniva deferito all’A.G. per furto aggravato.

Controllato un cittadino extracomunitario nigeriano, S.F.D., privo di documenti, che al termine degli accertamenti risultava essere clandestino; pertanto veniva emesso e notificato un provvedimento di espulsione e ordine di allontanamento dal territorio nazionale e deferito all’A.G..

Effettuati con il concorso della Polizia Municipale, con una unità cinofile, vari controlli residenziali all’interno della torre B, per accertare la regolarità delle persone che dimorano o domiciliano nelle varie unità abitative e il possesso dei titoli per occupare un immobile, nonché verificare la presenza di cittadini irregolari.

Veniva fermato un cittadino extracomunitario che si aggirava nell’area di parcheggio di Piazza Travaglio con fare sospetto. Alla richiesta di declinare le proprie generalità ed esibire un documento, l’uomo si mostrava da subito infastidito al controllo, rifiutandosi più volte di indicare le proprie generalità, manifestando nel contempo un comportamento irrispettoso e un tono di voce alterato. Riportato alla calma veniva accompagnato in Questura per l’identificazione, al cui termine, lo straniero regolare sul T.N., veniva deferito all’A. G. per rifiuto di indicazioni sulla propria identità.

Fermati due cittadini tunisini residenti in altro comune. Alla richiesta del motivo della loro presenza nel capoluogo dichiaravano di essere venuti in città per fare la spesa settimanale. Al termine degli accertamenti, a carico di uno di loro risultavano vari pregiudizi di polizia e condanne penali e la misura di prevenzione del F.V.O. emessa dal Questore di Ferrara, con divieto di far ritorno nel capoluogo per tre anni; pertanto veniva indagato per inottemperanza al foglio di via obbligatorio.

Nell’area di Piazza Ariostea veniva segnalata la presenza di un uomo in stato di ebrezza che infastidiva i passanti con la richiesta di denaro. L’uomo, che all’arrivo degli Agenti beveva birra seduto su una panchina, si mostrava da subito insofferente e infastidito dalla presenza degli operatori. Già noto per i suoi pregiudizi di Polizia, al termine dell’ identificazione veniva sanzionato amministrativamente per ubriachezza manifesta e invitato a desistere dai suoi atteggiamenti molesti.