Covid19, quasi 5mln e 1/2 di euro alla provincia di Bologna per aiuti ai bisognosi

0
105

(Sesto Potere) – Bologna – 31 marzo 2020 – Ammontano a 5.423.070 euro le risorse stanziate dalla Protezione civile nazionale a favore dei 55 Comuni della città metropolitana di Bologna attraverso l’ordinanza del 28 marzo annunciata dal premier Conte  che entro il 31 marzo porterà complessivamente nelle casse di tutti i Comuni italiani 400 milioni di euro destinati ad aiutare quei cittadini che in questi giorni di emergenza sanitaria si trovano in particolari situazioni di necessità.

Le risorse serviranno all’acquisto di beni di prima necessità e distribuirli tramite le associazioni di volontariato agli indigenti che non hanno altro sostegno pubblico.

Le risorse sono state ripartite fra i Comuni seguendo i criteri concordati con l’Anci: l’80% in proporzione alla popolazione residente e  il 20% in base alla distanza fra il valore del reddito pro capite di ciascun comune e il valore medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione.

I Comuni possono anche aprire dei conti correnti per donazioni da destinare alle misure urgenti di solidarietà alimentare.

Le risorse assegnate dall’ordinanza e le eventuali donazioni potranno essere destinate dai Comuni ad acquistare buoni spesa utilizzabili per generi alimentari di prima necessità. I Comuni potranno anche acquistare direttamente generi alimentari e beni di prima necessità. E potranno avvalersi per l’acquisto e la distribuzione di beni di enti del terzo settore.

Sarà compito dei Servizi sociali di ogni Comune individuare i beneficiari e i criteri di ripartizione tra i nuclei più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza Covid-19 e tra i cittadini che versano nel maggior stato di bisogno. Obiettivo soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, dando priorità a chi non ha altro sostegno pubblico.

L’ordinanza stabilisce inoltre che per le attività di distribuzione alimentare non ci saranno restrizioni agli spostamenti del personale e dei volontari del terzo settore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here