Covid19, Pd Forlì: “Aumentare fondo buoni spesa utilizzando proventi delle multe”

0
331
i consiglieri comunali del Pd

(Sesto Potere) – Forlì – 10 aprile 2020 – “Questa mattina il gruppo consiliare del Partito Democratico di Forlì ha trasmesso una lettera al sindaco ed alla giunta comunale di centrodestra. Si tratta , spiegano gli stessi consiglieri, della terza missiva in cui “consapevoli del lavoro svolto dalle istituzioni ad ogni livello e con spirito collaborativo verso di esse, portiamo all’attenzione dei vertici cittadini proposte, contributi e spunti relativi all’emergenza sanitaria e sociale”.

i consiglieri del Pd

Nella missiva si ribadisce per l’ennesima volta la richiesta di attivare rapidamente “un tavolo” permanente con le forze consiliari che veda partecipi tutti i rappresentanti della comunità, nel segno di una concezione della politica ispirata dal confronto, dall’unita e vicina alle esigenze della città. 

Molte le proposte e le richieste di intervento avanzate dal Pd alla giunta Zattini.

“Anzitutto, vista la disponibilità di mascherine riteniamo sia necessario valutare e sostenere il fabbisogno attuale e futuro delle strutture che assistono le categorie più esposte al contagio; a maggior ragione dopo quello che abbiamo visto accadere alla Zangheri per cui siamo ancora in attesa ricevere risposte e azioni dall’assessore Tassinari. Quanto ai “buoni spesa”, chiediamo che si passi all’accreditamento sulla tessera sanitaria. La Giunta ha scelto i buoni digitali ma risultano scomodi e poco pratici. Per aumentare le risorse del fondo dedicato si possono utilizzare i proventi delle multe ed è necessario aprire i termini per le nuove richieste, eliminando l’anticostituzionale criterio del possesso da almeno un anno del permesso di soggiorno”: sono le prime due proposte del Pd.

il capogruppo Soufian Hafi Alemani

Inoltre, il gruppo consiliare del Partito Democratico di Forlì chiede all’amministrazione comunale di monitorare con attenzione il trattamento dei rifiuti speciali presso l’inceneritore Ecoeridania e di attivarsi per effettuare tamponi ai dipendenti che entrano in contatto con i materiali di scarto utilizzati per la cura dei pazienti affetti da Covid-19.

Infine, il Pd chiede che: “Ci si attivi da subito per garantire il materiale per la didattica a distanza ai ragazzi e ragazze che sono privi di strumenti idonei, e che l’amministrazione ci informi su quali misure di prevenzione del contagio sono state adottate per l’apertura del mercato coperto.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here