Covid19, botta e risposta tra il sindaco di Forlì e il segretario territoriale dell’Ugl

0
133

(Sesto Potere) – Forlì – 4 aprile 2020 – Con un comunicato stampa inviato ai mass media questa mattina, il sindaco di Forlì , Zattini, replica al segretario territoriale dell’Ugl Filippo Lo Giudice che ieri lamentava il mancato accoglimento di alcune proposte per cittadini e imprese in tema di lotta al Coronavirus.

zattini

Zattini giudica le osservazioni di Lo giudice: “fuori luogo, sgradevoli e inopportune” e le sue parole ispirate da “una spiacevole mancanza di buon senso”.

“Ci sono situazioni, più di altre, nelle quali è indispensabile ragionare, mettere da parte le rivendicazioni personali e lavorare a testa bassa, nell’interesse esclusivo della comunità a cui si appartiene. In quegli stessi momenti, nei quali la tutela della salute pubblica viene prima di tutto e non c’è spazio per competizioni dal retrogusto ‘condominiale’, sarebbe auspicabile fermarsi a riflettere e desistere da spiacevoli ragionamenti. Mi preme rinnovare l’attenzione del Sig. Lo Giudice su un semplice concetto; questa Amministrazione non è impegnata in una gara di prestazioni con i Comuni limitrofi. Siamo quotidianamente in contatto con i Sindaci del territorio per affrontare con senso di responsabilità e ragionevolezza l’emergenza epidemiologica in atto, senza alcun tipo di rivalsa o spirito di competizione. Le misure che abbiamo adottato, in queste settimane, sono il frutto di scelte calibrate sulle disponibilità, anche finanziarie, di questo Ente e nascono dalla volontà, indiscutibile, di voler tutelare ad ogni costo Forlì e i forlivesi dalla diffusione del contagio. Non è nostra intenzione scivolare in sterili polemiche. Vogliamo proteggere la città e continueremo a farlo senza distogliere l’attenzione dalle nostre capacità e da quello che, legittimante, ci chiedono i nostri cittadini”: scrive in una nota Gian Luica Zattini.

lo giudice

A stretto giro si registra la replica dello stesso Filippo Lo Giudice che con un comunicato afferma: “Spiace constatare che  Zattini si sia lasciato andare a parole sgradevoli verso un sindacato confederale (un milione di iscritti a livello nazionale) che lui stesso ha apprezzato sottoscrivendone la piattaforma programmatica-elettorale prima del voto amministrativo dell’estate 2019 quando era un semplice candidato a sindaco in lizza con altri. Anche di recente, pochi giorni fa, ha adottato almeno una delle proposte dell’Ugl (l’accesso alla Ztl per le consegne a domicilio) per agevolare la vita delle famiglie e dei lavoratori in questa emergenza sanitaria. Poi, però, gli sono sfuggite di bocca (o meglio: per iscritto) parole che non gli fanno onore e che sono l’opposto del vero: visto che soltanto ispirato dal ‘buon senso’ e dalla difesa dei diritti e degli interessi dei lavoratori il nostro sindacato ha consegnato un pacchetto di proposte al sindaco Zattini per rendere meno pesante la vita dei nostri concittadini in questa fase storica così delicata. Non ha accolto nessuna proposta, o meglio ne ha adottata una (sempre l’accesso condizionato alla Ztl), ma siamo sicuri che col tempo farà sue anche le altre”.

“Non cerchiamo primogeniture, ma soltanto concorrere al bene comune. Ben sapendo , perché lo dice l’esperienza , che non sempre i meriti vengono riconosciuti. Diciamo però a Zattini di non passare il limite: “di fermarsi a riflettere e desistere da spiacevoli ragionamenti” (per usare le stesse sue parole) contro un sindacato con migliaia di iscritti, perché così facendo prenderebbe di mira una buona fetta della sua stessa comunità. E questo non è bello e non gli farebbe onore”: conclude il segretario territoriale dell’Ugl Filippo Lo Giudice in replica al comunicato spedito ai mass media questa mattina dal sindaco di Forlì Gian Luca Zattini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here