Covid19, appello dei sindaci Baccini e Vietina al governo: Più risorse

0
401
Marco Baccini

(Sesto Potere) – Tredozio – 18 aprile 2020 – Marco Baccini,  sindaco di Bagno di Romagna, comunica di aver scritto al governo, per segnalare 4 azioni prioritarie per avviare un’immediata e concreta ripresa economica, e che si ritengono prioritarie “per evitare che la crisi già dilagante in cui si trovano le aziende si trasformi in un collasso irrecuperabile, con i conseguenti danni irreversibili da un punto di vista sociale”.

Marco Baccini

“Da una proiezione si stima che le conseguenze connesse al Coronavirus peseranno sul nostro bilancio almeno per € 400.000,00. E’ su questo quadro che ho sollecitato 4 azioni che il Governo dovrebbe attuare con gli stessi poteri straordinari esercitati per affrontare l’emergenza sanitaria”: premette il sindaco Marco Baccini.

E le proposte sono: “Congelamento temporaneo del Codice degli Appalti per permettere alle Pubbliche Amministrazioni di avviare in tempi rapidi tutti gli appalti quiescenti, anche conferendo ai sindaci il ruolo di commissari comunali, con potere di organizzare gare “locali” pur nell’assunzione delle relative responsabilità in termini di trasparenza e buona amministrazione. Un Piano nazionale di semplificazione normativa e burocratica temporanea ed emergenziale per le aziende di ogni comparto, che rappresenti anche la base per una riforma di semplificazione strutturale e complessiva. Un Piano emergenziale temporaneo per l’abbattimento dell’IMU sui beni strumentali e della TARI per le attività sospese, da finanziare prioritariamente con le risorse statali ed europee nell’ambito dei piani di sostegno alle imprese. Ed infine un programma di risorse compensative per i Comuni, al fine di evitare il tracollo dei bilanci degli Enti locali, compresa una linea di compensazione per il mancato incasso della Tassa di Soggiorno”: sono le 4 proposte indicate dal sindaco di Bagno di Romagna.

Simona Vietina

Simona Vietina, parlamentare di Forza Italia e Sindaco di Tredozio (FC), con una nota annuncia di condividere con il sindaco di Bagno di Romagna: “la profonda inquietudine espressa nella lettera inviata al Governo e ai parlamentari rispetto alle criticità ulteriori che i comuni più piccoli come quelli guidati da me e da Baccini si troveranno di fronte”.

“Come Sindaco di Tredozio sono quotidianamente impegnata per sostenere la comunità dei miei cittadini in questo momento di crisi generalizzata e per garantire a ognuno di loro servizi adeguati nelle condizioni di massima sicurezza. E tanto come sindaco quanto come parlamentare sono profondamente preoccupata per l’imminente futuro e per le difficoltà che ci ritroveremo ad affrontare come sistema Paese nei prossimi mesi”: spiega Simona Vietina.

“Le persone in prima linea come noi – aggiunge il sindaco di Tredozio – hanno una visione molto precisa delle difficoltà quotidiane e quanto queste saranno esacerbate dal prolungarsi della pandemia. Ecco perché, in qualità di Parlamentare, ho effettuato ben due interrogazioni rispetto alla necessità di una veloce ripartenza e sugli strumenti da mettere in campo: dalla necessità di test sierologici per tutti, in modo da identificare tutte le persone che potranno riprendere la propria attività in piena sicurezza per se stessi e per gli altri, alla necessità critica che sia lo Stato a sostenere i costi dei tributi e tasse delle aziende chiuse e cittadini in difficoltà”.

“I piccoli Comuni non possono farsi carico di tali cifre e non abbiamo risorse ulteriori se non la nostra buona volontà di amministratori, innamorati del nostro territorio e impegnati senza pause per proteggerlo: confido che il Governo non ci abbandonerà ma mostrerà quell’attenzione più volte promessa e sbandierata anche per i Comuni più periferici, montani e più in difficoltà”: conclude Simona Vietina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here