Covid, studio Ausl Romagna su prestigiosa rivista scientifica ‘Radiology’

0
186

(Sesto Potere) – Forlì – 12 agosto 2020 – Uno studio della Radiologia dell’Ausl Romagna sul Covid pubblicato sulla prestigiosa rivista statunitense “Radiology”. Firmatari, il dottor Enrico Cavagna (direttore del Dipartimento di Diagnostica per immagini dell’Ausl), primo firmatario, Francesco Muratore e Fabio Ferrari.

I professionisti hanno dimostrato che la tromboembolia polmonare  si osserva frequentemente nei pazienti con polmonite da Covid 19 e coinvolge principalmente le piccole arterie dei segmenti polmonari interessati dalle consolidazioni polmonari. I pazienti con grave polmonite da Covid (rilevabile a seguito di tac e specifiche analisi di laboratorio) sono  quelli più comunemente colpiti dalla tromboembolia polmonare. Questo perchè l’infezione innesca uno stato di ipercoagulabilità del sangue  e un’infiammazione generalizzata.

Pertanto si tratta di trombosi primitiva delle arterie polmonari e non embolia ad origine da trombosi venosa – spiega il dottor Cavagna -. E questo ha importanti ripercussioni sulla terapia e sulla prognosi”.

Uno studio dunque che potrà avere anche importanti ripercussioni pratiche, tanto che “Radiology”, dopo averlo fatto vagliare dai propri revisori, ha optato per la pubblicazione del relativo articolo (consultabile e scaricabile qui ryct.2020200289.pdf). L’Impact Factor di questa rivista (che misura il numero medio di citazioni ricevute in un particolare anno da articoli pubblicati sulla rivista stessa) è  di 7.931, fra i più alti di tutte le riviste di Radiologia mondiali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here