Covid, somministrate altre 11.600 dosi in Emilia-Romagna. Bonaccini: Siamo fra le regioni che vaccinano di più

0
292

(Sesto Potere) – Bologna – 12 marzo 2021 – Continua la campagna vaccinale anti-Covid in Emilia-Romagna, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su; proseguono le prenotazioni per quelle dagli 80 agli 84 anni, iniziate il 1^ marzo. Poi il personale scolastico e universitario e le forze dell’ordine.

Da fine dicembre sono state somministrate complessivamente 558.359 dosi (11.600 soltanto oggi , aggiornamento al monitoraggio delle ore 16,07); sul totale: 177.771 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna : https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid).

“Siamo fra le regioni che vaccinano di più, dati della Fondazione Gimbe. Anche nella giornata di ieri, oltre 17mila somministrazioni. Ma siamo organizzati per farne molte di più: 45 mila al giorno, oltre un milione al mese. Il Governo ha annunciato l’arrivo in Italia da aprile di milioni di dosi. Noi siamo pronti. Ma arrivino davvero, perché non sono tollerabili altri ritardi e tagli alle forniture da parte delle multinazionali che hanno peraltro ricevuto risorse pubbliche per la ricerca”: ha affermato il governatore della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Il monitoraggio della Fondazione Gimbe ha registrato, nella settimana dal 3 al 9 marzo, tutti i numeri in aumento: nuovi casi +18,2%, ricoverati con sintomi +14,4% e terapie intensive +18,4. Sul fronte dei vaccini, a 3 settimane dalla fine del trimestre, manca ancora all’appello più della metà delle dosi previste. Il 2,9% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale: degli over 80 il 25% ha ricevuto la prima dose e solo il 5,2% anche la seconda.