Covid, per 68% italiani il mondo del lavoro non sarà più lo stesso: sondaggio

0
280
centro per l'impiego

(Sesto Potere) – Roma – 7 maggio 2021 – È il lavoro la priorità assoluta indicata da oltre l’80% degli italiani: le politiche per l’occupazione sono al primo posto nell’agenda dei cittadini per il Governo del Paese. È il dato che emerge dal sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis per Radio1 Rai, in occasione della ricorrenza del Primo Maggio. Il lavoro supera le richieste di una maggiore efficienza della sanità, indicata dal 74%, di misure per il rilancio dell’economia e di riduzione della pressione fiscale, citate da oltre i due terzi degli intervistati. Nell’agenda dei cittadini anche la richiesta di snellimento della burocrazia.


“Emerge una consapevolezza: il 68% – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – ritiene che, in seguito alla crisi da Covid, il mondo del lavoro in Italia non sarà più lo stesso. E 3 italiani su 10 temono che nei prossimi mesi qualcuno dei familiari possa perdere la propria occupazione.

 Secondo il trend Demopolis 2006-2021, l’importanza del fattore “stabilità e sicurezza” del lavoro appare da anni in crescita, ma aumenta di oltre 20 punti nell’ultima fase, passando dal 54% del 2018 al 75% odierno: incide pesantemente l’incertezza degli ultimi 15 mesi di emergenza Coronavirus”. 


Il pubblico impiego torna così a rappresentare un obiettivo auspicato dal 66% degli italiani, con un incremento di 25 punti percentuali dopo la crisi pandemica. Poco più di un quinto riterebbe oggi preferibile un’occupazione nel settore privato. Il sondaggio dell’Istituto Demopolis registra anche una perdita di appeal del lavoro autonomo: appena il 12%, potendo scegliere, opterebbe oggi per un lavoro in proprio. Erano il doppio prima del Coronavirus.

Quasi i due terzi degli italiani, intervistati da Demopolis per Radio1 Rai, hanno apprezzato la scelta del Governo di effettuare, nei mesi trascorsi, il blocco dei licenziamenti per la durata della cassa integrazione, tutelando il lavoro in una fase di estrema crisi. E, alla vigilia del Primo Maggio, il 58% si dichiara favorevole ad una proroga dello stop ai licenziamenti sino ad ottobre. 

Nota informativa: l’indagine è stata realizzata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, dal 27 al 29 aprile 2021, su un campione stratificato di 2.000 intervistati, rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone.