Covid, Morrone e Raffaelli (Lega): Urge decreto ‘Ristori quinquies’

0
250
Morrone

(Sesto Potere) – Bologna, 19 febbraio. “Si proceda velocemente al varo del nuovo decreto con gli indispensabili ristori, fermi al 31 dicembre, per le attività in affanno. Le beghe interne della precedente maggioranza sfociate nella crisi di governo hanno fortemente ritardato i tempi del ‘Ristori quinquies’ mentre la situazione è sempre più critica. Pensiamo, per esempio, agli esercizi di somministrazione, a cui non bastano le aperture limitate al mezzogiorno e l’asporto per far quadrare i bilanci, e alle palestre ancora inspiegabilmente chiuse, nonostante la disponibilità a utilizzare le misure di sicurezza necessarie”:

Elena Raffaelli

così in una nota i parlamentari Jacopo Morrone (nella foto in alto), segretario della Lega Romagna, e Elena Raffaelli (nella foto a lato).

“Ma con l’approssimarsi della stagione primaverile e estiva, è inevitabile puntare l’attenzione sul settore turistico, comparto chiave per l’economia regionale e per la costa romagnola particolarmente danneggiato dall’emergenza sanitaria. Ieri l’assessore regionale Andrea Corsini ha lanciato in pompa magna un ‘nuovo piano marketing e promozione turistica’ valido per un triennio. In realtà, di nuovo non c’è nulla. Il 20 aprile 2020, ovvero 10 mesi fa, Corsini aveva già promosso gli stessi eventi e la medesima campagna marketing con un investimento di due milioni di euro. Non sappiamo con chi si sia confrontato l’assessore per riproporre una minestra riscaldata e sarebbe interessante saperlo. Le cifre ad effetto citate ieri da Corsini, 30 milioni in tre anni, significano poco se poi i risultati non corrispondono alle aspettative. Al turismo serve ben altro se davvero puntiamo ad un suo rilancio a tutto tondo. Crediamo che il passaggio dell’intervento del premier Mario Draghi sul turismo come l’istituzione di uno specifico ministero indichino che serve un cambio radicale di passo anche da parte della Regione”:

concludono Morrone, ed Raffaelli.