(Sesto Potere) – Bologna – 25 gennaio 2022 – Nella notte, scritte no vax che paragonano il Presidente della Regione Emilia-Romagna  Stefano Bonaccini e il Sindaco di Bologna Matteo Lepore a “nazisti” sono apparse sui muri di una delle torri di viale Aldo Moro, sede della Regione Emilia-Romagna (vedi foto in alto, ndr).

L’episodio si registra ad appena due giorni dal 27 gennaio, Giornata in cui tutto il mondo si ferma a ricordare i crimini perpetuati dai veri nazisti contro l’umanità e il popolo ebraico.

“Non accettiamo insulti vergognosi di questo stampo al Presidente Bonaccini, al Sindaco Lepore e a tutti gli amministratori pubblici che stanno lavorando per arginare gli effetti della pandemia sul benessere dei cittadini. Siamo solidali con le vittime di gesti intimidatori come questo e con tutti coloro che, per professione, ruolo o semplicemente senso civico, difendono la scienza e la salute delle persone”: scrive in una nota il Gruppo Pd Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna.

Emma Petitti

“Scritte inaccettabili, che diventano ancora più vergognose se fatte proprio a due giorni dalla Giornata della Memoria, che ricorda le vittime dell’Olocausto e dei crimini nazisti”: per la presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti che commenta così le frasi comparse nella notte sulle torri della Regione Emilia-Romagna, che definiscono nazisti il Presidente della Regione Stefano Bonaccini e il sindaco del Comune di Bologna Matteo Lepore per le loro politiche a favore dei vaccini anti Covid. “Esprimo la mia solidarietà e quella di tutta l’Assemblea ai due amministratori: in questo momento serve solo responsabilità, non gesti e parole ignobili”.

Anche Pasquale Gerace, Consigliere regionale Emilia Romagna Partito Democratico, già assessore alla Cultura, eventi, sviluppo economico e promozione del settore terapeutico termale di Salsomaggiore Terme, e dottore di Medicina Generale, interviene con una nota: “Esprimo forte solidarietà al nostro presidente Bonaccini e al sindaco di Bologna, Matteo Lepore, impegnati ogni giorno nella battaglia contro la pandemia. Le istituzioni e la comunità medica e scientifica non si faranno mai intimidire da un gruppo isolato di irresponsabili che, contro ogni evidenza scientifica, sostengono che il vaccino “uccide” e proseguiranno nell’unica direzione giusta per sconfiggere la pandemia: le vaccinazioni.“

Lo stesso Pasquale Gerace aveva recentemente presentato in Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna una risoluzione firmata anche da altri colleghi del Pd, in cui oltre a esprimere solidarietà al presidente Bonaccini, già minacciato via social a fine dicembre, sottolineava “la necessità di fermare le manifestazioni no vax che da legittime manifestazioni di dissenso si trasformano in azioni di violenza inaccettabili” e che impegnava la Giunta regionale “a sollecitare il governo ad assumere le iniziative necessarie per evitare che ciò succeda” e “a promuovere, tramite tutti i canali di informazione possibili, compresi i media locali, la campagna vaccinale, in modo che si possa raggiungere la più alta percentuale possibile di vaccinazione”.

Solidarietà anche da parte di  Galeazzo Bignami, deputato FdI, Marco Lisei , capogruppo FdI in Regione Emilia- Romagna, e Francesco Sassone , capogruppo FdI in Comune di Bologna , che in una nota congiunta esprimono: “piena solidarietà e vicinanza al Presidente della Giunta regionale Stefano Bonaccini e al Sindaco di Bologna Matteo Lepore, per le scritte comparse sui palazzi della Regione”.