Covid: green pass e parametri, la proposta delle Regioni. Oggi il Cdm

0
317

(Sesto Potere) – Roma – 22 luglio 2021 – “L’andamento della campagna di vaccinazione consente di aggiornare gli indicatori a cui si legano l’assegnazione dei colori alle diverse zone e le conseguenti misure di restrizione. La Conferenza delle Regioni ha elaborato alcune proposte sull’uso del Green Pass in un’ottica positiva, ovvero per permettere la ripresa in sicurezza di attività fino ad oggi non consentite o limitate. Ad esempio grandi eventi sportivi e di spettacolo, discoteche, fiere e congressi. Inoltre abbiamo anche condiviso una proposta per la revisione degli indicatori delle zone di rischio, formulando l’ipotesi di portare, per la zona bianca, il limite massimo di occupazione dei posti letto in area medica al 30% e quello delle terapie intensive al 20%”. Questo dichiara il Presidente delle Regioni Massimiliano Fedriga al termine della seduta della Conferenza delle Regioni che s’è riunita (vedi foto in alto) per la definizione delle proposte.

“Si tratta – conclude il Presidente della Conferenza delle Regioni – di proposte che facciamo al Governo, in un’ottica di collaborazione istituzionale, anche alla luce dell’attuale contesto epidemiologico – caratterizzato da un aumento dell’incidenza ma da una bassa occupazione dei posti letto ospedalieri – e dalla progressione intensa della campagna vaccinale”.

Il governo esaminerà la proposta delle Regioni e tenendo conto dell’orientamento della Cabina di regia sull’emergenza sanitaria è chiamato a delineare il nuovo decreto legge Covid.
I contenuti del nuovo provvedimento saranno discussi oggi pomeriggio nel corso di una seduta del Consiglio dei Ministri (che si terrà alle 15), presieduta dal  Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

A seguire, Palazzo Chigi ha convocato una conferenza stampa che si terrà alle ore 17.00 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio (vedi foto qui in basso). Alla conferenza stampa interverranno anche i ministri Roberto Speranza e Marta Cartabia.