(Sesto Potere) – Bologna – 13 novembre 2021 – La pandemia Covid-19 ha contribuito a far aumentare l’attenzione per gli animali d’affezione ed è sempre più diffusa la consapevolezza dei tanti benefici fisici e psicologici che i pet portano in famiglia. La XIV edizione del Rapporto annuale Assalco – Zoomark è stata presentata a Zoomark International, il Salone internazionale b2b dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia organizzato nei giorni scorsi da BolognaFiere.

Il Rapporto Assalco – Zoomark 2021 fotografa l’evoluzione della relazione con gli animali da compagnia, a cominciare dalla crescita della popolazione. Euromonitor stima che in Italia vivano oggi oltre 62 milioni di animali d’affezione1, di cui quasi 30 milioni di pesci, più di 16 milioni di cani e gatti, circa 13 milioni di uccelli e oltre 3 milioni e mezzo tra piccoli mammiferi e rettili.

L’aumento complessivo di animali da compagnia è avvalorato dai dati di Gfk, che rileva quasi 1 milione in più di famiglie acquirenti di prodotti per pet, e dalla crescita delle adozioni di cani e catti registrate da ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) nella fase acuta dell’emergenza sanitaria nel 2020 arrivando a dichiarare un incremento del 15% rispetto all’anno precedente.

Secondo la ricerca commissionata da Assalco a Wamiz3, il sito numero 1 in Europa sugli animali da compagnia, il 33% di chi possiede uno o più pet ne ha acquistato o adottato almeno uno nell’ultimo anno e mezzo, ovvero dopo lo scoppio dell’emergenza sanitaria. L’indagine, realizzata con l’obiettivo di indagare il nuovo rapporto uomo – pet, ha evidenziato che il possesso degli animali d’affezione è un fatto trasversale e non limitato a uno specifico gruppo sociodemografico, se non per il genere: oltre l’80% di chi ha risposto di avere un pet è infatti donna. L’età è abbastanza eterogenea, con un picco del 27% nella fascia compresa tra i 45 e i 54 anni, ed è equamente ripartito il domicilio dei rispondenti, che nel 30% dei casi vivono nelle regioni del Nord-Ovest. Quasi la
metà (49%) risiede in centri urbani con meno di 40 mila abitanti, il 55% vive in appartamento in condominio e il 35% ha un nucleo familiare composto da 2 persone.

PET COME ANTIDOTO A SOLITUDINE E STRESS, FONTE DI BENESSERE PER TUTTI
Durante il periodo pandemico, il pet è stato per molti proprietari uno dei pochi soggetti – se non l’unico – con il quale avere un contatto “reale” in un contesto di relazioni prevalentemente virtuali. Tra i benefici riconosciuti ai pet, i rispondenti della ricerca commissionata da Assalco a Wamiz citano il fatto che gli animali d’affezione alleviano lo stress e le tensioni quotidiane (70% delle preferenze dei rispondenti), mettono allegria (61%) contribuiscono a unire la famiglia (41%).
Secondo l’85% di chi ha risposto al questionario, abitare con un animale d’affezione è un ottimo antidoto alla solitudine. Rispetto alla pandemia, il 60% sostiene che i pet hanno permesso ai proprietari di mantenersi attivi portando gli animali a spasso o giocando con loro, mentre il 39% ha ricordato che, grazie all’animale da compagnia, i proprietari hanno potuto conoscere più persone all’interno della loro comunità, ad esempio frequentando i parchi urbani o recandosi dal veterinario.

Agli animali da compagnia è attribuito un ruolo di primo piano nell’educazione e la socialità dei bambini e degli adolescenti. La presenza del pet è molto apprezzata anche da chi si confronta con le nuove forme di organizzazione del lavoro, in particolare con lo smart working. Il 79% degli intervistati afferma che la presenza di un animale rasserena i momenti lavorativi difficili, il 47% dichiara che i proprietari beneficiano della presenza dei loro animali nei momenti di pausa e il 47% che la presenza di un pet permette di sopportare meglio la mancanza dei colleghi.

L’indagine riconosce come positiva anche la convivenza con un pet da parte degli anziani. La maggioranza di chi ha partecipato all’indagine sostiene, infatti, che la routine giornaliera legata all’accudimento degli animali aiuta a rimanere presenti e vigili (65% delle risposte). Il 60% sostiene che i pet mantengono gli anziani attivi, il 58% sottolinea che gli animali in famiglia fanno sentire meno soli, soprattutto quando figli e nipoti sono lontani, e il 46% afferma che i pet fanno sentire gli anziani utili.

I COMMENTI
Ha commentato Gianmarco Ferrari, Presidente di Assalco: “Poiché gli alimenti e le prestazioni veterinarie sono essenziali per chi vive con un pet e se ne prende cura, torniamo a sottolineare l’incongruenza di applicare a questi prodotti e servizi l’aliquota IVA
pari al 22%, la stessa dei beni di lusso. Auspichiamo che il carico fiscale che grava sulle famiglie italiane, che ricordiamo essere pari a più di 3 volte quello a cui sono sottoposti i proprietari tedeschi, possa essere finalmente alleggerito, collocando il pet food e le prestazioni veterinarie nello scaglione dell’IVA agevolata al 10%”.
La necessità di revisione dell’aliquota IVA è stata al centro della tavola rotonda “Pet in famiglia e in società: più valore in tempo di Covid-19” che, oltre ad Assalco, ha visto la partecipazione dell’On. Michela Vittoria Brambilla, Presidente dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, di Carla Rocchi, Presidente ENPA (Ente Nazionale Protezione Animale) e Marco Melosi Presidente ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).
“Tagliare l’IVA sui prodotti e sui servizi necessari per mantenere un animale da compagnia non è solo giusto, è utile” ha dichiarato l’on. Michela Vittoria Brambilla annunciando che l’Intergruppo presenterà un pacchetto di emendamenti alla legge di bilancio per ridurre gli oneri fiscali indiretti sui proprietari di animali d’affezione. “A favore concorrono oggi l’esperienza della pandemia, l’espansione del settore (che anche a fronte di tagli fiscali continuerebbe a generare ragguardevole gettito) e l’occasione storica di una riforma fiscale”, da realizzare congiuntamente al Piano nazionale di ripresa e resilienza.

IL RAPPORTO ASSALCO-ZOOMARK
Il Rapporto Assalco–Zoomark è la pubblicazione annuale di Assalco, l’Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, rappresenta un punto di riferimento per chiunque si occupi di animali d’affezione e viene tradizionalmente presentato in occasione della fiera Zoomark International. Il Rapporto documenta l’evoluzione delle abitudini d’acquisto dei proprietari di pet (Area Mercato), la presenza e la crescente importanza degli animali da compagnia in Italia (Area Sociale), l’ultima indagine sulle strutture veterinarie (Area Salute). Alla stesura contribuiscono IRI Information Resources e l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI).