(Sesto Potere) – Bologna – 2 dicembre 2021 – Il monitoraggio della Fondazione Gimbe rileva, nella settimana 24-30 novembre un aumento dei nuovi casi che interessa tutte le Regioni italiane.

In particolare, in questo periodo di riferimento, almeno 32 province presentano una media di oltre 150 casi per 100.000 abitanti. Tra queste le incidenze più rilevanti sono nei primi 20 posti di questa “speciale” classifica: Trieste (635 casi su 100mila abitanti), Bolzano (552 casi su 100mila), Gorizia (496 casi su 100mila), Rimini (362 casi su 100mila), Treviso (342 casi su 100mila), Forlì-Cesena (321 casi su 100mila), Padova (321 casi su 100mila), Venezia (300 casi su 100mila), Vicenza (298 casi su 100mila), Aosta (286 casi su 100mila), Pordenone (252 casi su 100mila), Ravenna (245 casi su 100mila), Ascoli Piceno (234 casi su 100mila), Imperia (233 casi su 100mila), Udine (219 casi su 100mila), Bologna (213 casi su 100mila), Rovigo (213 casi su 100mila), Belluno (209 casi su 100mila), Pesaro e Urbino (203 casi su 100mila) e Fermo (200 casi su 100mila).

Complessivamente, cresce la pressione sugli ospedali (+630 ricoveri in area medica, +123 in terapia intensiva) e aumentano anche i decessi (498).

Sul versante delle vaccinazioni: quasi l’80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino e negli ultimi 7 giorni sono aumentati i nuovi vaccinati.

Ma ancora – ricorda e conclude la Fondazione Gimbe – 6,8 milioni di persone e 2,6 milioni di over 50 sono senza alcuna copertura vaccinale.