Covid, Ferrara: polizia chiude un esercizio commerciale

0
261

(Sesto Potere) – Ferrara – 20 aprile 2021 – La Squadra Amministrativa della Divisione PAS della Questura di Ferrara continua ad effettuare controlli quotidiani tesi al rispetto delle norme Anticovid, segnatamente all’osservanza delle disposizioni circa la vendita all’asporto e al dettaglio delle bevande alcoliche, al rispetto degli orari e delle prescrizioni previste nei titoli posseduti.

In particolare nella giornata di ieri, al titolare di un bar di questa via Ortigara, già richiamato al rispetto delle norme Covid dagli Agenti nelle scorse settimane per la presenza di persone che sostavano nei pressi del locale intenti a consumare bevande, venivano comminate le sanzioni amministrative di 400,00 euro e la contestuale sanzione accessoria della chiusura immediata del locale per 5 giorni. Nella circostanza venivano notati tre avventori che consumavano bevande nelle pertinenze dell’esercizio pubblico somministrate pochi istanti prima dalla consorte del titolare.

controlli covid19 a Ferrara

L’attività commerciale per la reiterata condotta illecita è stata segnalata alla Prefettura per le determinazioni di competenza circa l’ulteriore chiusura per un periodo sino a 30 giorni.

Venivano altresì controllate: 4 attività commerciali di vicinato (risultate regolari) e 8 esercizi di somministrazione alimenti e bevande, senza riscontrare la presenza di clienti intenti a consumare all’interno o nelle pertinenze delle attività. Dall’inizio dell’anno, nell’ambito dei controlli amministrativi disposti ai fini dell’attuazione delle misure contenute nel Decreto Legge tese a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, personale dipendente della Squadra Amministrativa ha proceduto al controllo di una pluralità di esercizi commerciali sia in città che in provincia procedendo alla chiusura di 14 locali e comminato 39 sanzioni per un totale 15.600,00 euro.

Il Questore di Ferrara, Cesare Capocasa, ha affermato:-“A volte sento invocare interventi più o meno securitari, ma quando si incide sulla libertà delle persone, sulle capacità di movimento e sull’iniziativa economica, preferisco sollecitare la responsabilità che non in qualche modo dare prova di un eserciziomuscolare, pur essendo sempre inflessibili nei confronti degli impudenti “.