Covid, ecco la nuova mappa delle zone colore

0
477

(Sesto Potere) – Roma – 30 aprile 2021 – Il Ministero della Salute conferma la discesa dei nuovi casi e del numero di pazienti ricoverati, ma il quadro complessivo resta ancora ad un livello impegnativo. L’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,85 (range 0,80– 0,91), in lieve aumento rispetto alla settimana precedente, ma sotto l’uno anche nel limite superiore.

Tre Regioni hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, due Regioni (Campania e Sicilia) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2. L’incidenza è in lenta diminuzione ma ancora molto elevata per consentire sull’intero territorio nazionale una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti.

Di conseguenza, secondo il Ministero della Salute, è necessario continuare a ridurre il numero di casi anche attraverso le misure di mitigazione volte a ridurre la possibilità di aggregazione interpersonale.

La ormai prevalente circolazione in Italia della variante B.1.1.7 (nota come variante inglese) e la presenza di altre varianti che possono eludere parzialmente la risposta immunitaria, richiede di continuare a mantenere particolare cautela e gradualità nella gestione dell’epidemia: conclude il Ministero della Salute.

Sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, il ministro della Salute Roberto Speranza, firmerà in serata nuove ordinanze – che entreranno in vigore dal prossimo 3 maggio – collocando in zona rossa la regione Valle D’Aosta e in zona arancione le regioni Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna. Mentre tutte le altre regioni e province autonome sono e/o rimangono in zona gialla.