(Sesto Potere) – Forlì- 21 dicembre 2021 – “Mentre i contagi crescono a ritmi sostenuti a causa della maggiore contagiosità della variante Omicron (e continueranno a salire in modo notevole), è doveroso interrogarsi sulle scelte migliori da compiere per evitare chiusure indiscriminate, penalizzazioni generalizzate, ulteriori ripercussioni sul mondo della scuola e del lavoro”: a riflettere sul tema è il deputato forlivese di Italia viva Marco Di Maio.

Un intervento mentre il governo studia nuove misure da adottare per contenere il contagio da Covid-19.

“Due proposte per affrontare questa ondata e salvare non tanto il Natale, Capodanno o Epifania, ma la ripartenza del Paese. La prima: accelerare sui vaccini, in particolare sulle terze dosi, calcolando i 5 mesi di tempo dalla somministrazione della prima e non della seconda dose (per ampliare la platea di chi può vaccinarsi e anticipando le fasce di popolazione più giovani). La seconda proposta: Green pass da attivare solo per chi è vaccinato”: è l’idea di Di Maio.

“Anzichè immaginare di chiedere un tampone a oltre l’85% degli italiani che si sono vaccinati e si stanno vaccinando per andare a cinema, teatri, stadi, ristoranti, ecc. (rischiando di generare sfiducia e compromettere la campagna vaccinale), bisogna imporre il lockdown a chi non si vuole vaccinare. Non vuoi vaccinarti? E’ una tua scelta, ma per te valgono le regole della zona rossa applicate lo scorso anno”: conclude il deputato di Italia viva.