Covid, Bonaccini e Corsini: “Aprire bar e ristoranti, cinema e teatri in sicurezza e dove possibile”

0
219

(Sesto Potere) – Bologna – 23 febbraio 2021 – Il presidente della Regione Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni italiane, Stefano Bonaccini,  intervenuto oggi nel programma ’L’aria che tira’ in onda su  La7, intervistato dalla conduttrice Myrta Merlino – intervenuto sul tema del piano vaccinale, della mancanza delle dosi dei vaccini, dei ristori per le categorie colpite dai vari lockdown, della situazione degli ospedali in questa fase della pandemia , del nuovo atteso Dpcm e del Recovery Plan – ha fra le altre cose dichiarato che:  “Così come si deve restringere laddove ci sono problemi per contrastare il contagio, dall’altra laddove le cose vadano meglio e l’andamento del virus lo consente si può iniziare a pensare ad introdurre qualche elemento di flessibilità per alcune categorie. Ho letto, per esempio, che il ministro Franceschini  ha proposto di riaprire teatri e cinema nelle prossime settimane, nei prossimi mesi.

andrea corsini

E trovo le cose che ha detto Salvini sulla possibilità dei ristoranti aperti la sera nei territori dove non ci sono rischi di contagio, di diffusione dell’epidemia e le cose vanno meglio, magari con più controlli, sino ragionevole!”.

Stesso discorso portato avanti – sempre nel corso della puntata di oggi del programma “L’Aria che Tira” – dal governatore Bonaccini per i luoghi di attività individuale come le palestre e le piscine.

Un ragionamento che, nelle stesse ore, ha condiviso e illustrato, anche l’assessore regionale al Turismo e Commercio, Andrea Corsini, che, parlando dei territori che si trovano in zona gialla e “dove le condizioni epidemiologiche lo consentano”, con maggiore frequenza di controlli, ha detto che: “bisogna creare le condizioni perché bar e ristoranti, piscine, palestre e attività sportive, i luoghi della cultura e dello spettacolo possano riprendere la loro attività in maniera maggiore e continuativa rispetto ad oggi”, prevedendo anche “aperture serali, non solo a mezzogiorno” nel settore della ristorazione, ovvero: in bar e ristoranti.

La frase di Bonaccini non è sfuggita a Matteo Salvini che ha commentato: “Fa piacere trovare consenso trasversale su una proposta di assoluto buonsenso, che salvaguardi sia il diritto alla salute che il diritto al lavoro.”