Covid, Ausl Romagna attiverà anche a Forlì centro vaccinazioni

0
258
vaccino covid

(Sesto Potere) – Forlì – 27 dicembre 2020 – Come già riportato ieri dalla nostra agenzia, anche in Romagna, come in tutta la regione ha preso il via domenica la prima giornata di vaccinazioni contro il Covid19 rivolta al personale sanitario che, in tutti questi mesi è stato impegnato in prima persona ad affrontare il subdolo virus.

la consegna dei vaccini

In questa prima tranche sono stati vaccinati in Romagna 225 operatori così distribuiti: 48 medici ospedalieri, 1 medico di medicina generale, 1 medico delle Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale), 1 direttore del laboratorio di biologia, 10 dirigenti di profilo sanitario, 130 infermieri, 3 ostetriche, 9 assistenti sanitari, 2 tecnici di laboratorio, 1 tecnico di radiologia, 1 fisioterapista e 18 Oss (Operatori socio sanitari). Sono stati individuati sulla scorta del ruolo che ricoprono nella gestione dell’infezione da covid 19. Si tratta in particolare dei vaccinatori, di coloro cioè che poi si occuperanno di effettuare le ulteriori vaccinazioni.

Da inizio gennaio, partirà in Romagna un ulteriore step di vaccinazione che contemplerà il resto del personale sanitario, nonché gli ospiti e gli operatori delle Cra. Per effettuare le vaccinazioni a questi ultimi saranno creati dei team che si recheranno nelle strutture stesse.

l’arrivo dei vaccini a Pievesetina

Per il personale sanitario Ausl Romagna continuerà a prevedere dei punti di vaccinazione e verosimilmente ve ne saranno di ulteriori rispetto agli attuali tre di Ravenna, Rimini e Cesena. Uno di questi ulteriori punti di vaccinazione sarà allestito a Forlì, una risposta a chi (Fabrizio Ragni vicecoordinatore provinciale di Fratelli d’Italia) si era lamentato di questa scelta che penalizzava il capoluogo. Al riguardo, la stessa Ausl informa che sta interagendo con l’Amministrazione locale per definire modi, tempi e location anche in relazione alle esperienze acquisite ieri e aggiunge “che ne stanno valutando anche altri” di punti di vaccinazione.

Dopo questo secondo step per operatori e strutture, il Ministero sta lavorando alla vaccinazione della popolazione generale, per la quale l’Ausl informa che si organizzerà non appena saranno disposte le relative linee guida. Si parla del mese di febbraio.