Covid, altre 12.673 somministrazioni di vaccino in Emilia-Romagna

0
207

(Sesto Potere) – Bologna – 18 aprile 2021 – Continua in Emilia-Romagna la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 16.10 sono state somministrate complessivamente 1.297.699 dosi (12.673 soltanto oggi); sul totale, 389.624 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Sulla questione vaccinale il governatore regionale Stefano Bonaccini commenta: “Confermato che il problema non era la nostra organizzazione ma le dosi insufficienti. Ora si comincia a registrare un cambio di passo nelle consegne che mi auguro aumentino ulteriormente nelle prossime settimane, come da piano del Generale Figliuolo, per poter vaccinare tutti gli emiliano-romagnoli entro la fine dell’estate”.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

“Oggi oltre la metà della popolazione ultraottantenne (somministrazioni di Pfizer e Moderna) già vaccinata definitivamente con la doppia dose e stiamo completando con la prima dose, mentre per gli ultrasettantenni (somministrazione di Astrazeneca, la cui seconda dose viene somministrata dopo tre mesi) vicini già alla metà della platea e le completeremo a maggio. Nel mentre per noi altra priorità sono i disabili e le persone con patologie. Dalla prossima settimana cominciamo con gli ultrasessantenni.”: conclude Bonaccini.

“I numeri, le classifiche – se proprio servono a qualcosa – ci dicono che i nostri sforzi stanno andando nella direzione giusta. Il grafico, elaborato dal Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, evidenzia che, sulla base dei vaccini che abbiamo a disposizione, stiamo facendo il massimo possibile per ogni categoria che stiamo vaccinando. Apriremo presto la vaccinazione per la fascia 65-69 anni e per i preziosissimi caregiver di anziani non autosufficienti e disabili gravi”: afferma l’Assessore alle Politiche per la Salute della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini.

“Ripeto, non è una gara fra regioni ma una lotta per la sopravvivenza delle persone più fragili e per la nostra situazione economico sociale. Ma questo studio così autorevole ci rende giustizia degli sforzi fatti fino ad ora, è solo un modo per dirvi che noi ce la mettiamo tutta, tutti i giorni, senza cedere di un millimetro, nemmeno di fronte a minacce o ad offese gratuite. Anzi, lavoreremo sodo anche per chi ora ci minaccia e ci offende, non comprendendo i nostri sforzi. Questo è il nostro impegno quotidiano, per tutti voi, per tutti noi, per uscire da questa emergenza e ritrovare le nostre vite di sempre”: conclude l’assessore Donini.