Covid, a Rimini potenziati i controlli per le Festività

0
219

(Sesto Potere) – Rimini – 22 dicembre 2020 – Nell’ultima riunione Tecnica di Coordinamento dei Responsabili provinciali delle Forze di Polizia, presieduta dal Prefetto di Rimini Giuseppe Forlenza, si è convenuto di rimodulare i dispositivi di sicurezza nel territorio della provincia, attraverso la predisposizione di mirati servizi interforze e di attività a carattere preventivo e repressivo.
A completamento dei potenziati servizi già disposti e specifici, attuati anche con l’ausilio dei militari dell’Esercito Italiano e di pattuglie prevalentemente appiedate, vengono assicurati, con effetto immediato, controlli del territorio più capillari.

Nel successivo Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal Prefetto, cui hanno partecipato, oltre al Comune di Rimini e ai responsabili provinciali delle FF.OO. quali componenti di diritto, i rappresentanti del Compartimento della Polizia Ferroviaria, della Sezione Polizia Stradale e dell’A.N.A.S., sono stati definiti e potenziati i dispositivi di sicurezza già sperimentati da alcuni giorni nel capoluogo ed in provincia, in previsione della affluenza di persone presenti in città per le prossime festività di fine anno.

Già da ieri è sceso in campo un significativo numero di operatori delle Forze dell’ordine che, con l’ausilio delle specialità della Polizia Stradale e Ferroviaria nonché della polizia municipale, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali, assicureranno una articolata e capillare presenza nelle aree di maggiore afflusso, con particolare riguardo ai centri cittadini e nei punti sensibili di movimentazione di persone, quali ad esempio quelli in prossimità degli accessi alle stazioni, per prevenire le più evidenti criticità a tutela della sicurezza e garantire ai cittadini la possibilità di trascorrere in serenità, nel rispetto delle disposizioni governative e regionali, un periodo dell’anno a tutti particolarmente caro, come quello correlato alle festività natalizie e di fine anno.

Su tale versante, peraltro, si registrerà di volta in volta la presenza anche di uomini dei Reparti Prevenzione Crimine provenienti non solo da Bologna, ma anche dalla Toscana e dal Lazio.

Il modello operativo pianificato, con la forte interazione delle diverse componenti del sistema di sicurezza integrato e l’articolata definizione di azioni di intervento sarà ulteriormente implementato, nei prossimi giorni, in relazione alle recenti disposizioni governative.

Non mancherà neppure un monitoraggio, a cura della Polizia Postale, delle fonti informative “social”, al fine di intercettare e scongiurare l’organizzazione di eventi privati destinati a generare, inevitabilmente, gravi forme di assembramento e a innescare difformità comportamentali rispetto all’uso corretto delle mascherine e alle altre azioni prudenziali da tenere sempre ben presenti.

Anche i punti nevralgici di entrata e di uscita dal territorio saranno oggetto di opportuni e specifici controlli finalizzati al rigoroso rispetto delle disposizioni inerenti la mobilità delle persone e delle norme sul distanziamento interpersonale e sul corretto uso dei dispositivi di protezione individuale.

L’azione di contrasto al diffondersi della pandemia da Covid-19 ha portato nel mese di novembre al controllo di 13.354 persone con 112 soggetti sanzionati e alla verifica di 1.543 attività o esercizi commerciali, con 6 sanzionati.
Nei primi 17 giorni di dicembre sono state 7.592 le persone controllate, con 80 sanzioni elevate e 909 le verifiche effettuate nei confronti di attività o esercizi commerciali con ben 3 provvedimenti di chiusura temporanea e altrettanti procedimenti sanzionatori.